Donatella Rettore, a "Oggi è un altro giorno" l'indiscrezione di Sanremo 2022: «Quel calcio di Ditonellapiaga»

Donatella Rettore ospite del programma condotto da Serena Bortone su RaiUno

Donatella Rettore, a "Oggi è un altro giorno" l'indiscrezione di Sanremo 2022: «Quel calcio di Ditonellapiaga»

Donatella Rettore ospite di “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno. Donatella è recentemente tornato sul palco di Sanremo 2022 assieme a Ditonellapiaga con “Chimica”.

David e Victoria Beckham, pioggia di critiche social per le foto del figlio Cruz - Foto

Donatella Rettore ospite di “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno

Donatella Rettore, a "Oggi è un altro giorno" l'indiscrezione di Sanremo 2022

Donatella Rettore ospite di “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno ha raccontato l‘emozione vissuta con Ditonellapiaga sul palco di Sanremo 2022. Alla fine dell’esibizione fra le due c’è stato un abbraccio caloroso, forse troppo: «Mi ha abbracciato, mi ha dato un calcio… Era talmente contenta di cantare sul palco di Sanremo, che mi è saltata addosso, mi ha stretto e mi ha dato un calcio… E io ho detto con voce bassa per il dolore "La mia bimba…"...».

Donatella ha parlato anche del padre Sergio, a cui era molto legato: «Mio padre è stato ed è l’uomo della mia vita. Avrei voluto sposarlo. Per me la sua scomparsa è stata una tragedia e l’unico modo di sfogarmi era scrivere e cantare per lui L’ho portato spesso con me mentre lavoravo, ha conosciuto tutti, anche personaggio come Mike e Corrado. Durante la guerra è stato deportato in un campo di concentramento, è tornato che pesava 30 chili. Ha visto le tragedie ma anche la bontà umana, come quando i contadini tedeschi l'hanno aiutato a nascondersi».

Dopo Sanremo ha voglia di tornare live: «Ora voglio tornare sul palco dopo due anni di patimento. Voglio tornare in scena col pubblico che salta, non bastano le cinque serate di Sanremo. Mi devo sfogare… A proposito di sfoghi quello più grosso l’ho fatto in televisione. Negli anni 80 davano sempre etichetti, “più o meno bella”, “più o meno interessante” e così via. Misero in tv quattro cantanti a paragone, una ero io e delle altre tre non dico il nome. Vinse una, io mi arrabbia perché non mi piacevano le graduatorie e dissi una parolaccia. E’ presente negli archivi Rai, si è sentita ed è successo il disastro. La casa discografica si è arrabbiata, ma subito dopo mi sono pentita dello sfogo...».


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Febbraio 2022, 16:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA