Domenica In, l'aneddoto di Mara Venier con Renzo Arbore: «Avevi il latte scaduto da 11 anni»

Domenica In, l'aneddoto di Mara Venier con Renzo Arbore: «Avevi il latte scaduto da 11 anni»

Il primo ospite di Domenica In, rigorosamente in collegamento da casa, è Renzo Arbore. La conduttrice, Mara Venier, ha vissuto col musicista e conduttore napoletano una lunga storia d'amore e oggi, ai telespettatori, ha fornito un aneddoto molto particolare e un po' imbarazzante, risalente proprio alla relazione avuta tra i due ormai molto tempo fa.

Leggi anche > Mara Venier sola in camerino prima di Domenica In: «Qui una volta era pieno di gente...»



Mara Venier, all'inizio della puntata di oggi, ha innanzitutto rivolto un appello agli italiani di fronte all'emergenza coronavirus: «Vi imploro, restate a casa. Io esco solo la domenica per venire qui e una volta alla settimana per fare la spesa. Se restiamo a casa, questo virus se ne va prima». Parte poi il collegamento con Renzo Arbore, a cui Mara Venier ha ricordato un curioso dettaglio della loro relazione quando è stato affrontato il tema del cibo e della spesa: «All'epoca eravamo "molto fidanzati". Stavo prendendo il caffè e ti avevo chiesto: "Hai un po' di latte?", tu mi dicesti "Sì, è in quella credenza, prendilo tu"... Quel latte era scaduto da 11 anni».

Renzo Arbore, tra il divertito e l'imbarazzato, ha ammesso di non essere nuovo a distrazioni con il cibo conservato in casa. A quel punto, Mara Venier gli ha chiesto: «Ma un single come te cosa mangia in questo periodo?». E Renzo ha replicato così: «Uno zampone, che ho comprato a Natale». Immediata la risposta di Mara Venier: «Chissà quale Natale...».

Alla fine, Renzo Arbore ha lanciato un appello a tutti i napoletani: «Agli amici della Pignasecca chiedo di stare a casa. Non uscite, fatelo per Totò che è di lì, della Sanità». E poi parte una divertente versione "anti-coronavirus" di "Ma la notte no", realizzata da tanti artisti e attori italiani su una (geniale) idea di Maurizio Casagrande.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Aprile 2020, 00:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA