Claudia Marsicano ospite a "Oggi è un altro giorno": «Quella frase cattiva al provino in accademia.. La spinta per andare avanti»
di Danilo Barbagallo

Claudia Marsicano ospite a "Oggi è un altro giorno": «Quella frase cattiva al provino in accademia.. La spinta per andare avanti»

A “Oggi è un altro giorno”, il salotto del pomeriggio di Rai 1 condotto da Serena Bortone è ospite Claudia Marsicano. L'attrice sarà sul grande schermo con “Mi chiedo se un giorno ti mancherò” ed è nel cast di “Noi”, fiction che vedremo il prossimo autunno sugli schermi Rai.

 

Emilio Solfrizzi a “Oggi è un altro giorno”: «Intimidito da mia moglie, non sapevo reagire». Serena Bortone stupita

 

 

 

Leggi anche > Estrazioni Lotto e Superenalotto di oggi, giovedì 24 giugno 2021: i numeri vincenti

 

A “Oggi è un altro giorno” ospite Claudia Marsicano

 

A “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone ospite Claudia Marsicano. L'attrice  ha parlato della sua vita, quando da adolescente si è traferita con la famiglia da Napoli a Milano: “Ci siamo traferiti da Napoli a Milano – ha raccontato - un primo anno turbolento dato le differenze di stile di vita. Mi dicevano cose un po’ sgradevoli anche per via del mio accento che era un po’ forte e per il mio corpo. Io li ho odiati all’inizio, poi mi sono fatta conoscere e conosciuto, aprendo il mio cuore. E’ una battaglia lunga, noto con piacere che ultimamente sui social i ragazzini cominciano a parlare della body positive. Tutti viviamo dei drammi, che chiamano in maniera differente, non sai mia cosa vai a toccare. Io mi incattivivo, diventavo una bulla, era quello il mio linguaggio, prima di farmi fare del male lo facevo io andando a stuzzicare. Mi avevano trasformato in qualcuno che non volevo essere”.

 

Claudia Marsicano svela di aver avuto molto coraggio nel scegliere il mestiere dell’attrice: “Io ho avuto coraggio scegliendo di fare l’attrice, perché già di suo Iin Italia non è facile, e farlo essendo un po’ grassottella lo è ancora di più. A diciotto anni, dopo aver fatto un provino in accademia mi hanno detto: “Tanto di balie ce n’è sempre bisogno”, come se fossi “condannata” per sempre a quel ruolo. Per me è stata una spinta, ne sono uscita più forte di prima. Queste frecciatine ti spingono a pensare di dover cambiare, ma l’importante non è la mia forma ma ciò che penso e soprattutto cosa faccio”.

 

Per il futuro vorrebbe tentare un ruolo diverso: “Vorrei interpretare un ruolo non legato al mio corpo, alla mia fisicità. Il phisique du role in video è importante però mi pacerebbe interpretare anche una segretaria, dato che giro il mondo non sono tutte taglie 38...”.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Giugno 2021, 19:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA