Carlo Conti positivo al Covid, le condizioni peggiorano. Come sta: «Ora i sintomi ci sono tutti»

Carlo Conti positivo al Covid, le condizioni peggiorano. Come sta: «Ora i sintomi ci sono tutti»

di Redazione Gossip Leggo

Carlo Conti  , positivo al covidinizia a fare i conti con i sintomi della malattia. Il conduttore televisivo ha fatto sapere ai suoi followers che le sue condizioni di salute sono peggiorate. Carlo Conti aveva annunciato la malattia qualche giorno fa specificando di essere asintomatico, ma ora sembra che i sintomi siano arrivati e acora una volta lo ha voluto dire lui stessi alle persone che lo seguono attraverso Instagram.

Leggi anche > Coronavirus, il carabiniere Salvatore Savinelli morto a 53 anni: «Condizioni precipitate in poche ore»

Leggi anche > Ascolti, Tale e Quale Show e Carlo Conti super anche da casa

«Ora i sintomi ci cono tutti (e anche troppi!!) », scrive in un post su Instagram, «questo Covid è una brutta bestia», facendo capire che ora le sue condizioni sono più gravi rispetto a quelle di qualche giorno fa. Conti aveva subito annunciato ai fan della malattia, aveva spiegato di non sottovalutarla, ma allo stesso tempo aveva voluto garantire la conduzione di Tale e Quale Show, da casa, con l'aiuto in studio dell'amico e collega Panariello. Carlo aveva chiarito che non voleva comportarsi da eroe, ma le sue condizioni di salute non gli impedivano di "lavorare da casa", così, ironizzando, aveva detto di aver scelto di fare "smartworking" come molti altri italiani.

Leggi anche > Giulio Golia, le conseguenze del Covid: «In un mese mi ha fatto perdere l'udito»

Ora però sarebbe sintomatico, ma Conti non perde la positività e la speranza e su Instagram mostra un bigliettino scritto dalla compagna e dal figlio che in questi giorni non può vedere ma che non mancano di dimostrargli la loro vicinanza e il loro affetto. «Ti amiamo babbo», recita il messaggio e Carlo commenta: «Ma tra tutte le medicine questo bigliettino è la più potente».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 5 Novembre 2020, 10:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA