Cannagate, Eva Henger dopo la querela: «Sono andata all'ambasciata, su Francesco Monte indagherà la polizia»

di Silvia Natella
Eva Henger non ci sta e subito dopo la querela di Francesco Monte sceglie di "svuotare il sacco" sul cannagate direttamente all'ambasciata dell'Honduras. A un anno dallo scandalo all'Isola dei Famosi che costrinse l'ex tronista a lasciare il reality, la vicenda continua a tenere banco sui giornali e sul web. E tutto a causa delle azioni e reazioni dei protagonisti. E a niente è servita la presunta pace davanti alle telecamere di Striscia la Notizia. 

Barbara D'Urso, Eva Henger attacca: «Avrai poco da ridere, se è vero quanto ho sentito»

Intervistata dal settimanale "Oggi", l'ex pornostar ha raccontato gli ultimi sviluppi dello scandalo marijuana e ha annunciato di essere passata al contrattacco dopo la querela presentata contro di lei. «È una denuncia per diffamazione - spiega - fatta prima che Striscia la notizia lo inchiodasse con l’analisi dei video e nella denuncia ha fatto un riferimento alla produzione che lo difendeva. Era sicuro che non sarebbe uscita mai la verità».
 
 

La Henger non ha paura della querelle giudiziaria a suo carico: «Sono sicurissima che io verrò assolta o questo procedimento archiviato perché non sussiste diffamazione: ho affermato cose vere e ho dovuto rendere pubblico quanto accadeva solo perché stavo rispettando un contratto nel quale era scritto che “tutti i concorrenti sono obbligati a riferire irregolarità all’interno del programma”».

Per chiarire la sua posizione si è rivolta all'ambasciata dell'Honduras, il Paese dove si svolge l'Isola dei Famosi e dove si sarebbe consumato il reato: «Ho intenzione di presentare una denuncia. Per i reati commessi in Honduras non esiste la prescrizione e io a causa dei comportamenti di Monte ho affrontato dei rischi. Su Francesco Monte potrebbe indagare la Polizia dell’Honduras e la Polizia internazionale». Resta ancora in dubbio se coinvolgere anche la casa di produzione Magnolia: «Lo sto valutando, ho diversi argomenti».






 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Gennaio 2019, 23:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA