Barbara D’Urso e la tv trash: «Un sacco di gente vorrebbe essere al mio posto, chi invidia sta peggio. Ora voglio Sanremo»

Barbara D’Urso e la tv trash: «Un sacco di gente vorrebbe essere al mio posto, chi invidia sta peggio. Ora Sanremo»

Un anno glorioso dal punto di vista degli ascolti per Barbara D’Urso. Tra Pomeriggio Cinque, Domenica Live, il Grande Fratello e soprattutto “Live non è la D’Urso”, la conduttrice si è confermata regina degli ascolti. In un’intervista a Repubblica ha respinto al mittente le accuse di fare televisione trash ed espresso il desiderio di condurre il Festival di Sanremo.

Alba Parietti con Asia Argento, la foto scatena i fan: «Hai sbagliato»



Il problema della televisione spazzatura infatti è chi la definisce tale: “Ci ho fatto l’abitudine – ha spiegato in nell’intervista  -  Poi vedo cosa fanno su Rai1 e penso: “Se l’avessi fatto io sarebbe successo il finimondo”. Un sacco di gente vorrebbe stare al posto mio. Alla gente cattiva mando pensieri positivi, se passa il tempo a dire cattiverie è infelice. Chi invidia sta peggio di me. Non è la D'Urso è stato un successo. Mi hanno chiesto di fare un talk in prima serata, ho risposto che stavo bene come stavo. Ci hanno messo un anno per convincermi. Il format ce lo siamo inventati io e Ivan Roncalli. L' azienda mi aveva chiesto il 12% di share, sono arrivata al 20%. Il mio hashtag è: “Pochissima spesa grandissima resa”…”.



Lei fa informazione e intrattenimento (“Cerco di rappresentare la vita quotidiana, fatta anche di gente bizzarra come i miei opinionisti. Mi metto al posto di chi sta a casa: magari è triste, non ha una lira. Ho il dovere di informare, ma anche di regalare due risate”) e accetta le critiche, purché siano costruttive: “Ben vengano le critiche costruttive, perché devo continuare a imparare. Poi ci sono quelle distruttive, finché ci sono vuol dire che sono divisiva. Personalità forte: piaci e non piaci. Però se le persone intelligenti dicono qualcosa di cattivo mi feriscono”.

Con tante tramessioni la sua giornata è molto impegnata (“Mi sveglio alle 6 e 50, prendo una serie di gocce omeopatiche, mi spruzzo sotto la lingua ferro, alternando rame e oro colloidale. Seguo un protocollo alcalino. Esco di casa alle 7.30, un’ora e mezza di danza classica, poi dalle 9.40 sono qui. Prima riunione Pomeriggio 5, poi Domenica live, Non è la D' Urso, Grande Fratello. L' incubo sono i vestiti da provare. Vivrei in tuta”), ma ha ancora un sogno professionale, quello di condurre Sanremo: “Lo voglio fare. Tanto c’è tempo, sono piccola”.


Giovedì 20 Giugno 2019, 16:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA