Amici 20, Raffaelle Renda e gli attacchi social per il fidanzamento con Martina Miliddi: «Dietro a un telefono..»

Video
di Danilo Barbagallo

Raffaele Renda e Martina Miliddi si sono fidanzati dopo “Amici 20” e l’ufficializzazione della loro relazione ha provocato reazioni contrastanti sul social, con un parte di follower contrari alla storia d’amore. Gli attacchi degli hater al cantante e Martina non sono mancati e Raffaele Renda ha deciso di dire la sua sua Instagram: “Molte persone - ha scritto sul social - dietro un telefono si sentano padroni del mondo”.

 

 

Leggi anche > WhatsApp, in arrivo la funzione multi-dispositivo

 

 

 

 

Amici  20, Raffaele Renda e le critiche per il fidanzamento con Martina Miliddi

 

 

L’ufficializzazione della relazione fra i due protagonisti di “Amici  20Raffaele Renda e Martina Miliddi, ex di Aka7Even, ha provocato una pioggia di critiche su Instagram. Raffaele, approfittando della domanda di un follower, ha voluto dire al sua sull’annosa questione: “Non volevo parlare di questa cosa – ha scritto sul social - ma vedo nelle domande che vi interessa il mio stato d’animo attuale legato a questa situazione e per questo vi ringrazio”.

 

Le critiche sono state eccessive, ma Raffaele Renda guarda avanti: “Se devo essere sincero, ho visto tanta tristezza e frustrazione in questi giorni. Commenti che vanno oltre la libertà di pensiero e colpiscono tanto nel personale. Penso che molte persone dietro un telefono si sentano padroni del mondo e supereroi con poteri di sentenziare su ogni cosa ma purtroppo non è così…. Per fortuna mi reputo una persona forte, in grado di scindere ogni cosa, allontanando la negatività e facendomi una risata leggendo certe cose. Mi rendo conto però, che non tutti sono come me e che dinanzi a commenti di questo peso molte persone cadono in vuoti dalla quale è difficile uscirne”.

 

 

 

 

Il consiglio del cantante di "Amici 20" Raffaele Renda è quello di smettere di puntare il dito: “Non voglio dilungarmi ancora ma l’unica cosa che mi sento di dire è: pesate ciò che die e non sentitevi autorizzati di giudicare a morte solo perché le nostre vite sono di “dominio pubblico”, perché prima di tutto siamo delle persone che hanno dei sentimenti”.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Giugno 2021, 22:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA