Alessia Pifferi, «stiamo parlando del nulla»: toni accessi a Storie Italiane tra il legale della donna e Samantha de Grenet. Interviene Eleonora Daniele

Solange Marchignoli parlando di alcuni punti del caso li definisce "nulla", urtando la sensibilità degli ospiti in diretta e anche della conduttrice

Alessia Pifferi, «stiamo parlando del nulla»: toni accessi a Storie Italiane tra il legale della donna e Samantha de Grenet. Interviene Eleonora Daniele

di Redazione web

A Storie Italiane si torna a parlare di Alessia Pifferi, la mamma che ha lasciato morire di stenti la propria bambina di 16 mesi in casa abbandonandola per 6 giorni. In studio però si scaldano i toni tra il legale della Pifferi e Samantha de Grenet. Toni accesi su cui interviene anche Eleonora Daniele, dando ragione alla de Grenet.

Leggi anche > Alessia Pifferi, parla l'ex marito: «Quando stavamo insieme lei non era così»

«Stiamo parlando del nulla»

Nel corso della puntata il legale Solange Marchignoli cerca di spiegare che le recenti indiscrezioni giornalistiche non corrispondono ai fatti e che non ci sono delle prove ufficiali, come non si conosce il contenuto delle chat sui presunti abusi e non si conoscononi risultati dell'autopsia sul corpo della piccola Diana. «Stiamo parlando del nulla», afferma, ma quella espressione manda su tutte le furie Samantha de Grenet in studio che si oppone e fa notare al legale che la morte di una bambina non può essere definita "nulla".

La Marchignoli chiede la parola e spiega: «Parliamo del nulla, dobbiamo imparare a superare questa cosa, superiamo il concetto morte della bambina, perché se no va sempre sul piano morale. Non voglio tornarci più. Tutto quello che sta arrivando a livello di informazione sono rumors, non sappiamo la chat, non sappiamo l'autopisa, sono considerazioni che facciamo senza documenti, in questo senso io dico parliamo del nulla».

Leggi anche > Meteo, brusco cambiamento climatico in arrivo con temperature in picchiata: da venerdì pioggia su tutte le regioni

Il discorso non convince in studio e a supporto di Samantha interviene Eleonora Daniele: «Avvocato, io capisco il suo ruolo, ma dato che stiamo parlando di una bambina che poteva essere salvata io le chiedo solo un po' di sensibilità. Io ho capito che lei si riferisce al punto di vista giuridico, non sono mica scema, ma le parole hanno un peso». Il legale ribatte: «Io faccio l'avvocato e non l'opinionista, io cerco di dire qualcosa che ha un fondamento giuridico. Io non posso basarmi sulle indiscrezioni».

La conduttrice, visibilmente stizzita, spiega che in studio non è stato costruito nulla, che si sta solo cercando di ricostruire un fatto e di capire cosa possa essere successo a una bambina innocente: «Per questo ne stiamo parlando e l'abbiamo invitata». In chiusura il legale ha chiarito: «Voglio precisare che il mio lavoro non mi permette di essere empatica, altrimenti andrei ai matti. Il mio lavoro mi chiede di avere uno schermo, l'empatia non mi consentirebbe di essere lucida».

I toni si smorzano ma Eleonora, dopo la chiusura della pagina dedicata alla Pifferi, sottolinea come le parole siano importanti e anche se si svolge un lavoro così delicato come quello dell'avvocato Marchignoli, a volte bisognerebbe tenere conto anche dell'aspetto morale e della sensibilità di chi ascolta.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 31 Ottobre 2022, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA