Aka7even a Verissimo: «Durante il coma ho visto i nonni che non avevo mai conosciuto. Per i medici non ce l'avrei fatta»

Aka7even a Verissimo: «Durante il coma ho visto i nonni che non avevo mai conosciuto. Per i medici non ce l'avrei fatta»

Il cantante racconta i suoi successi e il dramma vissuto da piccolo quando entrò in coma. Il suo risveglio ha qualcosa di miracoloso

Aka7even, ospite di Verissimo, parla dei suoi recenti successi e dei momenti difficili vissuti da bambino. Poco tempo fa ha ottenuto un grande riconoscimento come "Best Italian Act" agli Mtv Ema: «Penso non ci sia soddisfazione più grande che ricevere un premio dopo tanto lavoro. Oggi dopo Amici mi sento più Luca». Il cantante, tuttavia, resta umile come vuole la sua mamma. Per arrivare sin qui ha faticato molto. 

 

Leggi anche > Elena Santarelli e Bernardo Corradi a Verissimo: «Un altro figlio? Se ne vedono tante, non ho il coraggio»

 

Aka7even a Verissimo, il coma 

Il pensiero va al coma e di questa esperienza parla nel suo primo libro dal titolo "7 vite". «A sette anni - spiega - sono stato in coma per sette giorni. Ho avuto l'encefalite ed è stato un calvario per la mia famiglia. Per i medici non c'era più nulla da fare. Disseo ai miei 'Forse non si risveglierà e se dovesse farlo potrebbe avere un handicap'. Mi sono risvegliato più forte di prima».

 

Aka7even a Verissimo, i nonni

Il risveglio ha avuto qualcosa di miracoloso: «Quando sono stato in coma ho visto i miei nonni materni che non ho mai visto in vita mia e sapevo dire come erano vestiti prima di morire. Mia madre rimase scioccata. Per la prima volta in vita mia ho avuto un contatto con loro... Io credo molto. Per i medici il mio risveglio era una cosa inspiegabile. Una delle prime cose che ho detto è stata quella di voler studiare musica».

 

Aka7even a Verissimo

Il giovane artista è stato fortunato, ma tornare tra i banchi non è stato facile: «A scuola fu strano perché si era sparsa la voce che avevo avuto la meningite e i bambini mi evitavano. Ho sofferto anche di bullismo perché a me piaceva ballare, ma per loro i maschi non ballano. Ho avuto la fortuna che agli atti di bullismo non ho mai dato peso». Alla domanda sulla vita sentimentale risponde: «Per adesso l'amore per me stesso credo sia la cosa più importante. Non c'è nessuna fidanzata, ma una frequentazione in corso». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Dicembre 2021, 18:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA