A "Nessun dorma" arriva Platinette: su RTL102.5 il primo show radiofonico notturno in diretta
di Ida Di Grazia

A "Nessun dorma" arriva Platinette: su RTL102.5 il primo show radiofonico notturno in diretta

Il primo show radiofonico notturno in diretta arriva su RTL102.5. Alla conduzione Mauro Coruzzi, in arte Platinette. Con lui il Maggiordomo di Cetraro, Armando Piccolillo, il Night Social Man, Leo Di Mauro, e i Telefonisti, Paolo Riccomi e Piervincenzo Vitiello.

 

Leggi anche > Gf Vip, Signorini bacchetta Lulù: «O rispetti le regole o vai fuori». Ma lei s'infuria: «È colpa vostra»

 

 

Da lunedì al giovedì, dall'1 alle 3, Mauro Coruzzi, in arte Platinette, aprirà i microfoni agli ascoltatori senza pregiudizi e senza censura. Una nuova versione di Nessun dorma (in radiovisione sul canale 36 del DTT o 736 di Sky, oltre all'Fm, Dab+, streaming o RTL 102.5 Play). 

 
«C'è un territorio da esplorare che io non conosco o, meglio, che conosco in parte e ho idea che sia molto più composito di quello che possiamo supporre o immaginare - racconta Platinette - E’ fatto non tanto dai cittadini della notte, da coloro che per lavoro, per insonnia o per qualche stradannato o benedetto motivo stanno svegli di notte. Mi piace pensare che ci possa essere un sottotitolo a 'Nessun dorma' trasformabile in 'Nessun dorme'. Nel senso che mi piacerebbe solleticare interesse e curiosità intorno a vicende o a persone che non conosciamo evidentemente perché stanno chissà dove e fanno chissà cosa e che diventano in un momento - in cinque minuti di conversazione - un mondo interessante da conoscere»

«Uso il termine, forse improprio, di 'cacciatore', ma è proprio una sorta di esplorazione. Penso ad esempio - come ahimè faccio sempre con i riferimenti alla musica - a una canzone strepitosa come 'Una notte in Italia' di Ivano Fossati, così come per contrasto penso anche a  'Ma la notte no' di Arbore. L’obiettivo è mettere vicine, appaiare o tenere in qualche modo su un binario in parallelo storie e persone molto differenti tra loro. La radio unificante è inclusiva. 'Very Normal People' significa questo: l'inclusivo non si tiene fuori nulla, tutto ciò che ha un senso e che è in un qualche modo d'aiuto deve avere un luogo e questo luogo è la radio», conclude Coruzzi.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Novembre 2021, 15:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA