Liszt, Bartok e i balli zigani: al teatro Repower ecco i ballerini ungheresi
di Ferruccio Gattuso

Liszt, Bartok e i balli zigani: al teatro Repower ecco i ballerini ungheresi

Musica popolare e classica, in un intreccio spettacolare fatto di danza, costumi, proiezioni speciali: arriva a Milano – in pima assoluta italiana e europea – “I mosaici di Liszt” della Hungarian State Folk Ensemble. La storica compagnia ungherese, accompagnata dai Cameristi del Teatro alla Scala e dallo Szent Efrem Choir, porta sul palcoscenico del Teatro RePower di Assago, domenica 18 ottobre, uno show per la regia del coreografo Gabor Mihalyi. Ospite d’onore, un fuoriclasse del violino come Shlomo Mintz. Dalle melodie contadine magiare agli spartiti di tre classici ungheresi come Franz Liszt, Bela Bartok e Zoltan Kodaly, il viaggio de “I Mosaici di Liszt” si affida a un cast di 30 ballerini e un’orchestra di 15 elementi (tuti opportunamente distanziati): “Non si tratta di uno spettacolo semplice e ordinario – spiega il regista Gabor Mihalyi – Da qualche anno la Hungarian State ha adottato la scelta di adattare la tradizione alla modernità”.

COME, DOVE, QUANDO. “I mosaici di Liszt” con Hungarian State Folk Ensemble, domenica 18 al Teatro RePower di Assago, ore 20, ingresso 30-15 euro, info 892.101.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Ottobre 2020, 16:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA