Parte Sanremo, Amadeus come Mattarella: «Se mi prendo il Covid, non c'è il piano B»

Parte Sanremo, Amadeus come Mattarella: «Se mi prendo il Covid, non c'è il piano B»

di Marco Castoro

ROMA - Mattarella-Draghi e Amadeus-Fiorello: l'Italia si regge anche sui sodalizi vincenti. Però se l'elezione del Capo dello Stato fosse andata avanti per qualche altro giorno il Festival avrebbe rischiato qualche incursione obbligata, ma non dalla nave Costa Toscana con Orietta Berti e Fabio Rovazzi, bensì da Bruno Vespa e Monica Maggioni a Porta a Porta. Il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha tirato un sospiro di sollievo: «Sono molto contento della soluzione trovata con Mattarella». Amadeus invece si mostra più spavaldo: «Ero abbastanza sicuro che avrebbero trovato una soluzione entro il weekend. Ma se l'evento si fosse accavallato, in termini televisivi sarebbe stato bello dare l'elezione in diretta». Stasera si comincia. Intanto Rai Pubblicità fa sapere che grazie alle partnership con gli sponsor incasserà più del 2021.


Nella prima serata si esibiranno Achille Lauro e Harlem Gospel Choir, Ana Mena, Dargen D'Amico, Gianni Morandi, Giusi Ferreri, La Rappresentante di Lista, Mahmood & Blanco, Massimo Ranieri, Michele Bravi, Noemi, Rkomi, Yuman. Gli altri 12 cantanti domani sera. Le cinque co-conduttrici (una per serata) sono Ornella Muti, Lorena Cesarini, Drusilla Foer, Maria Chiara Giannetta, Sabrina Ferilli. Gli ospiti sicuri sono Fiorello, Checco Zalone, Maneskin, Laura Pausini, Cesare Cremonini, Meduza. E su frionte sportivo Berrettini. Si cerca un altro big musicale. Ma come dice Amadeus: «Gli accordi si chiudono strada facendo. Manca un ospite. Mengoni? Non posso anticipare nulla. Venditti-De Gregori? Non mi risulta». Non risulta neanche che ci sia un piano B nel caso Amadeus risultasse positivo: «Se mi prendo il Covid state qua con me 10 giorni».


VACCINI - «Essere non vaccinati non significa essere esclusi dal Festival - ha spiegato Coletta - la Rai può adeguarsi alle regole sanitarie e farle rispettare. Del resto l'obbligo vaccinale per chi ha meno di 50 anni ancora non c'è». Chi sale sul palco viene tamponato ogni 48 ore.


FIORELLO - «Ci speravo ma non ero sicuro confessa il direttore artistico - Avevo fatto preparare una sua sagoma con la quale sarei andato in giro. Lo conosco da 35 anni, ho fatto il martello pneumatico, però capisco le sue difficoltà perché quello che ha fatto l'anno scorso è stato qualcosa di eroico, perché per un comico esibirsi senza pubblico è terribile. Mi ha detto: Cornutazzo ma come potevo lasciare il mio amico da solo?. Per ora ci sarà nella prima serata poi chissà».


Ultimo aggiornamento: Martedì 1 Febbraio 2022, 08:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA