Sanremo 2022, Iva Zanicchi e la canzone censurata: «Abbiamo dovuto cambiare due frasi»

Il brano era troppo osé per il palco dell'Ariston

Sanremo 2022, Iva Zanicchi e la canzone censurata: «Abbiamo dovuto cambiare due frasi»

di Elena Fausta Gadeschi

A Iva Zanicchi l'amore piace farlo e cantarlo. Lo si era capito bene dal brano presentato a Sanremo 2022, Voglio amarti, un inno all'amore libero e incondizionato, senza pudori e senza limiti. Eppure proprio per poter cantare questo genere di amore, l'Aquila di Ligonchio ha dovuto mettere mano alle parole della canzone e cambiare due frasi.

Leggi anche > Iva Zanicchi: «A 82 anni faccio ancora l'amore. Il sesso aiuta a cantare»

Iva Zanicchi.

Ospite di Storie Italiane, la Zanicchi ha ammesso di aver concepito il testo di Voglio amarti in modo più spinto rispetto alla versione finale presentata in gara e di avere poi deciso in corso d'opera di censurare una strofa, d'accordo con la direzione artistica.

«Con l’autore abbiamo cambiato due frasi, ed era d’accordo anche Amadeus, perché erano un po’ troppo forti» ha rivelato la cantante. Prima di svelare quali fossero le frasi incriminate: «Il vecchio testo diceva: 'Voglio amarti, nelle braccia, nel sudore, nella carne se mi vuoi'. Lì era troppo forte, abbiamo cambiato e messo: 'Nelle braccia, nel calore della pelle', e abbiamo tolto il riferimento alla carne», in modo che la canzone non risultasse troppo spinta per il pubblico.

Non è la prima volta che Iva Zanicchi accende di passione il palco dell'Ariston con un brano d'amore. Già nel 2009 la cantante si presentò con Ti voglio senza amore, suscitando perplessità tra gli ascoltatori per via di alcuni passaggi considerati troppo osé per l’ambiente sanremese. «Li sì che era un testo erotico e lì sì che ho sbagliato. Venivo da un repertorio più classico e mi sono presentata così a Sanremo…» ha ammesso l'artista, che pure ha sempre difeso la sua libertà artistica. Stavolta però ha preferito restare nei ranghi.


Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Febbraio 2022, 19:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA