Sanremo 2021, Giovanna Botteri co-conduttrice della finale: «Che emozione, è quasi peggio delle bombe»

Video

Giovanna Botteri è la co-conduttrice di questa sera al Festival di Sanremo 2021. In conferenza stampa la giornalista Rai ha ammesso: «Sono iper emozionata, preoccupata, tesissima, stanotte non ho chiuso occhio. Uno pensa, ma come, le bombe... L'emozione e la responsabilità che provo è quasi peggio delle bombe». L'inviata ha alle spalle una lunga esperienza da inviata di guerra e corrispondente Rai e stasera sarà sul palco dell'Ariston.

 

Leggi anche >  Stasera in tv: anticipazioni finale Sanremo, gli ospiti e la scaletta

 

Giovanna Botteri a Sanremo 2021

«Il mantra di questo festival così strano - sottolinea la giornalista in conferenza stampa - è non dimenticare, ma accarezzare le ferite. Dovrei ricordare quelle ferite, quello che sta succedendo, che è successo, ma anche come si può vivere anche con queste ferite. Nella mia esperienza da inviata di guerra e corrispondente, mi trovo spessissimo da sola, sola con quella telecamera, ma per questo mi sono abituata a sentire quello che c'è oltre la telecamera. Penso che il festival ce lo abbia fatto sentire in tutti i modi: oltre la telecamera c'è un'Italia che ci sta guardando, che lotta, che si batte con la voglia e il coraggio di farcela e di uscirne». 

 

Leggi anche > Festival di Sanremo 2021, la scaletta dell'ultima sera: cantanti in gara, orari e gli ospiti: Ornella Vanoni e Gabbani. Sul palco anche Tomba, Pellegrini e Giovanna Botteri

 

Giovanna Botteri a Sanremo 2021

Poi su quello che farà durante la serata scherza: «Non farò grandi discorsi, non farò appelli e sono stonatissima. Ballare? Sul tango possiamo parlarne... Non lo so, lo sapremo soltanto vivendo, incrociamo le dita. Farò una bruttissima figura, cercate di risparmiarmi». La giornalista ha sempre seguito il festival, fin da piccola. «Noi seguivamo Sanremo perché ci parlava, parlava a tutti, giovani, vecchi, di destra, di sinistra, di centro, del nord, del sud. È stato un momento per tutto il paese di ritrovarsi, con tutti sul divano e ti guardavi e ti sentivi italiano, in un momento in cui ti riconoscevi e riconoscevi di essere insieme a tutti gli altri. In questo momento, in cui il paese è stremato, comunque la musica continua, noi continuiamo e anche il fatto che si parli del prossimo anno, è un bel segno». 

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Marzo 2021, 18:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA