Sanremo 2020, Piero Pelù con il lutto al braccio «Mi vergogno di essere uomo». Cosa è successo?
di Ida Di Grazia

Sanremo 2020, Piero Pelù con il lutto al braccio «Mi vergogno di essere uomo». Cosa è successo?

Sanremo 2020, Piero Pelù con il lutto al braccio «Mi vergogno di essere uomo». Cosa è successo?. Completo rosso fuoco, colore scelto non a casa che si intona perfettamente alla canzone scelta nella serata dedicata alle cover: “Cuore matto”. A differenza dei suoi colleghi Pelù è salito solo sul palco e poi ha omaggiato con un duetto virtuale Little Tony. Al termine dell'esibizione ha però voluto mandare un messaggio molto importante.

Leggi anche > Sanremo 2020, Giordana Angi nei panni di Mia Martini con "La nevicata del 56": stesso look anni '90




Piero Pelù si presenta in solitaria... o quasi sul palco del Festival di Sanremo 2020 nella serata delle cover cantando “Cuore Matto” canzone portata al Festival di Sanremo del 1967 da Little Tony. Pelù ha duettato virtualmente proprio con Little Tony.


Al termine dell'esibizione Pelù ha voluto spiegare il perchè della fascia nera la braccio in segno di lutto: «Questa fascia è perchè ogni tanto mi vergogno di essere un uomo quando c'è un femminicidio».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 7 Febbraio 2020, 02:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA