Sanremo 2020, ascolti seconda serata 6 febbraio. Festival record: per Amadeus 53,3% di share. «Sogno a occhi aperti»

Sanremo, ascolti record: share al 53,3%. Amadeus: «Sogno a occhi aperti. Oggi finiremo prima»
Amadeus ha messo su un Festival di Sanremo da record, e gli ascolti lo premiano: anche nella seconda serata, trasmessa su Rai1 il 5 febbraio, la canzone italiana ha fatto il botto.

La seconda serata di Sanremo 2020 è stata seguita ieri sera da una media di 9.693.000 spettatori, con il 53,3% di share. La media di share supera anche il festival del 2005 condotto da Paolo Bonolis quando la media ponderata della seconda serata fu del 52,8%.

Leggi anche > Sanremo 2020, infarto in galleria: paura all'Ariston. Ricoverato in codice rosso in ospedale
 Sanremo 2020, il figlio di Amadeus emoziona: il gesto toccante e inaspettato del bambino di 10 anni

 
 

Per trovare una media migliore di una seconda serata del festival bisogna tornare al festival del 1995 condotto da Pippo Baudo. La prima parte della seconda serata del festival, tradizionalmente considerata a rischio di 'calo fisiologico' dopo l'apertura, è stata seguita da 12.841.000 spettatori con il 52,5% di share, mentre la seconda parte ha totalizzato 5.451.000 spettatori con il 56,1% di share.

L'anno scorso la media della seconda serata era stata di 9.144.000 spettatori con il 47,3% di share. La prima parte della serata del mercoledì del Balgioni bis era stata vista 10.959.000 spettatori con il 46,4% di share e la seconda parte da 5.260.000 spettatori con il 52% di share.

«È un risveglio bellissimo, chi mi conosce sa che io tendo a stare molto con i piedi per terra, ma la gioia immensa, è inutile negarlo». Così Amadeus commenta gli strabilianti ascolti della seconda serata del festival, mai così alti dal 1995. Il conduttore esprime la sua soddisfazione ma ci tiene a non esultare troppo prima del tempo: «Ci sono altre tre serate - sottolinea - Avremo modo di festeggiare domenica mattina».

Amadeus specifica che la sua più grande soddisfazione «è legata soprattutto alla musica», e ricorda due momenti molto toccanti delle prime due serate: «Anche Paolo Palumbo, il giovane affetto da Sla, e Gessica Notaro (la giovane sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, ndr), non hanno solo raccontato una storia, avevano una canzone. E la canzone contribuisce a dare un'emozione. Ringrazio il pubblico che non ha abbandonato nemmeno per un secondo sia Gessica che Paolo». Il conduttore si riconosce «un peccato veniale, siamo stati troppo lunghi», e lo spiega così: «Volevo far fare bella figura al festival, e ci ho messo forse più di quello che ci poteva stare. Cercherò di asciugare e velocizzare alcune cose il più possibile, per avere un vincitore prima del cappuccino», promette.

 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 7 Febbraio 2020, 09:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA