Sanremo 2019, Baglioni: «Non rifarei 24 artisti in gara»

La quarta serata del Festival di Sanremo registra un boom di ascolti con i duetti dei cantanti in gara con degli ospiti. Sul palco dell'Ariston si sono esibiti grandi artisti con accoppiate armoniose, divertenti e altre, come quella di Morgan e Achille Lauro, molto criticate. Resta però l'amaro in bocca per i numeri confrontati con lo scorso anno quando la serata dei duetti aveva ottenuto oltre il 51% di share a fronte del 46% di ieri sera. Nella conferenza stampa si parla di numeri e di qualche anticipazione per la serata che vedrà come ospiti Elisa e Eros Ramazzotti. 

Il monologo di Andrea Rivera su Sanremo 2019. Da Achille Lauro a Rancore, ci sono tutti​

Ore 13.50 Baglioni risponde alla polemica sul fatto che alcuni esclusi dalle selezioni di Sanremo giovani siano stati invitati alla Rai per partecipare come ospiti al Festival, ma di fatto si sono mossi a loro spese e non potranno salire sul palco. Il cantante ammette di aver parlato di un invito, ma non in modo ufficiale, e alla fine per problemi logistici non è stato possibile fare un'organizzazione adeguata.

Ore 13.46 Un giornalista chiede come venga scelta la giuria d'onore per il premio che verrà consegnato stasera. Baglioni risponde che questo elemento del Festival, la presenza di questa giuria, lo ha ereditato e ammette che è difficile trovare una giuria d'onore. «Innanzitutto bisogna vedere chi ci vuole venire, devono essere persone fuori dal mondo della discografia o cantanti e poi servono persone con sufficiente preparazione, anche se sembrerebbero essere fuori dal campo. La giuria d'onore ha il 20%, è diminuito, ma è una consuetudine del festival che potrebbe cambiare»

13.40 Una giornalista polemizza sulle disponibilità che offrono i giovani artisti e dei loro uffici stampa, sostenendo che i grandi artisti ormai noti da anni, come i Patty Pravo, danno una grande disponibilità, mentre gli uffici stampa dei più giovani rendono la possibilità di interviste molto difficile. A tal riguardo in sala stampa parte un grande applauso. La precisazione è in merito alla voglia di far emergere i giovani dal Festival che in questo modo sembra essere difficile per chi lavora soprattutto nei settimanali.

Ore 13.20 Baglioni smentisce le voci sulla presentazione di Guccini di una canzone sui migranti che sarebbe stata scartata e che avrebbe creato delle polemiche. È stata bocciata l'anno scorso la canzone di Iacchetti, ma non perché era sul tema dei migranti, ma perché è stato preferito dare spazio ai cantanti e non ad altre figure dello spettacolo che si improvvisano da interpreti, però ammette che non sapeva fosse stato scritto da Guccini.

Ore 13.16 Paolo Bisio parla dell'esibizione di Ligabue e poi del monologo che ha fatto ieri sera di Michele Serra. Quando fu chiamato per il Festival gli fu detto che avrebbe dovuto fare questo monologo a cui sarebbe seguito il pezzo di Anastasio. Replica poi a chi dice che è un festival senza politica, dicendo che quello che è stato fatto ieri è politica.

Ore 13.15 Parla Virginia Raffaele che riporta le sue impressioni su una serata speciale e ammette che il Festival le mancherà.

Ore 13.07 Claudio Baglioni parla della sua ospitata al Dopo Festival. Parla dei momenti molto emozionanti e sorprendenti della serata di ieri.  Ribadisce l'importanza della presenza giovanile in questo festival, sia tra i cantanti che nel pubblico.

Ore 13.02 Prende la parola Claudio Fasulo che parla ancora di ascolti. Cominica poi l'ordine di uscita della serata, che saranno anche quello del televoto: Daniele Silvestri, Anna Tatangelo, Ghemon, Negrita, Ultimo, Nek, Loredana Bertè, Francesco Renga, Mmahmoud , Ex otago, Il Volo, Paola Turci, Zem Circus. Patty Pravo e Briga, Arisa, Irama, Achille Lauro, Nino D'angelo e Cori, Federica Carta e Shade, Simone Cristicchi, Enrico Nigiotti, Bom Da Bash, Einar e Motta. In chiusura ci sarà il premio per il miglior testo votato dalla giuria d'onore, il premio Sergio EnDrigo, premio critica sala stampa Lucio Dalla e premio critica Mia Martini.

Ore 12.55 Parla Teresa De Santis, direttore di Rai 1, ringrazia Valerio Staffelli che ha consegnato un Tapiro e scherza: «Abbiamo  avviato un'analisi chimica del testo di Achille Lauro e se qualcosa non andrà glielo comunicheremo». Parla dei risultato dello share, ma precisa che l'ascolto del festival per singoli individui cresce e conferma l'aumento del pubblico giovanile. La De Santis parla di una grande politicità del Festival, con una rappresentanza di giovani, che racconta il nostro paese con le sue ansie e desideri. Parla di testi importanti con contaminazioni molto valide.

Ore 12.50 Parla l'assessore al Turismo, Marco Sarlo, che parla di una città piena e in fermento, ringrazia a tal riguardo Bisio per i continui riferimenti ai fiori e precisa che dal punto di vista turistico sta andando tutto bene. Premia l'iniziativa del Santa Tecla che ha visto coinvolte le scuole e i ragazzi insieme, appunto, alla Rai.
Ultimo aggiornamento: 14:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA