Sanremo 2019, caso televoto. Baglioni: «Se Festival vuole essere popolare, allora solo voto da casa»

Sanremo 2019, caso televoto. Baglioni: «Se Festival vuole essere popolare, allora solo voto da casa»

Sanremo, il sistema di votazione l'anno prossimo potrebbe cambiare: ne ha parlato Claudio Baglioni nella conferenza stampa finale di pochi minuti fa, dopo le polemiche sul televoto che aveva premiato Ultimo ma il cui responso è stato ribaltato dalle altre giurie, che hanno invece assegnato la vittoria a Mahmood

Baglioni esalta Mahmood: «La sua vittoria è una favola». La conferenza stampa finale

«Sono d'accordo su due linee: o il Festival viene deciso da giurie ristrette di addetti ai lavori, o questa mescolanza di tre o quattro giurie diventa discutibile - ha detto Baglioni - Qualsiasi direttore artistico si è trovato davanti a questo problema
». Baglioni ha ricordato anche le polemiche in passato per le accuse di televoto truccato e per le vittorie di alcuni volti televisivi, forse più avvantaggiati da questo tipo di procedura.

Per la giuria vince Mahmood. Sui social è bufera: «Voto politico, propaganda per i migranti»


«C’è un atteggiamento timoroso verso la sala stampa: si pensa che togliere a critici ed addetti ai lavori questa possibilità possa suscitare ostilità. Io non so se accadrebbe davvero, ho sempre grande rispetto per la stampa, ma io penso che se il Festival vuole essere davvero una manifestazione popolare, potrebbe essere gestita solo dal televoto. A mio avviso o si sceglie una linea o si sceglie l'altra», ha detto il direttore artistico del Festival.
Domenica 10 Febbraio 2019, 14:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA