Paolo Palumbo a Sanremo giovani: lo chef malato di Sla tra i 65 finalisti per le preselezioni

di Simone Pierini
Paolo Palumbo al Festival di Sanremo 2020. Lo chef malato di Sla è tra i 65 finalisti per le preselezioni della categoria Giovani. Il suo nome è stato pubblicato sul sito ufficiale della kermesse musicale in scena da martedì 4 a sabato 7 febbraio 2010. Il ventiduenne di Oristano si esibirà nelle audizioni previste per il 3 novembre al Teatro delle Vittorie di fronte alla Commissione Musicale presieduta da Amadeus, in veste di direttore artistico, e composta da Claudio Fasulo, Gianmarco Mazzi, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis.  

Leggi anche > Sanremo, Amadeus trova la Bellucci e "punta" Ferragni e Belen

Leggi anche > Chef malato di Sla, parla il fratello: «Insulti sui social? Spesso vengono da parenti di altri malati»​



Il brano «Io sono Paolo», scritto interamente da lui, è stato scelto per giocarsi la carta che porta dritta al palco dell'Ariston. Un sogno possibile grazie al comunicatore vocale con il quale comunica con le persone. Canterà insieme al suo amico Cristian, in arte Kumalibre, in un gruppo che si chiama IostoconPaolo.

La malattia lo ha paralizzato, non muove le gambe e non riesce a parlare con la sua voce. «Il suono metallico del comunicatore sulle note della musica si trasforma e mi consente di cantare», ha detto all'Unione Sarda. Un sogno che vuole continuare a vivere: «Mi ha aiutato molto anche un ragazzo di Oristano, Cristian Pintus - ha detto al giornale sardo - anche lui ha avuto un’esperienza di vita piuttosto dolorosa ma quella sofferenza lo ha fatto diventare ancora più grande. È venuto a trovarmi a casa e siamo diventati subito amici»

 
Mercoledì 23 Ottobre 2019, 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA