Monica Bellucci non va a Sanremo 2020: «Io e Amadeus ci siamo incontrati mesi fa. Ma...»

Monica Bellucci dice no al festival di Sanremo. Attraverso il suo ufficio stampa l'attrice dichiara: «Il signor Amadeus ed io ci siamo incontrati mesi fa ipotizzando un progetto insieme. Purtroppo per cause maggiori non siamo riusciti nel nostro fine. Auguro un bel Festival a lui e al suo team e spero in un'altra possibilità nel futuro».

Secondo quanto si apprende il forfait della Bellucci non sarebbe da collegare alle polemiche sul festival di questi giorni, né a incomprensioni sul suo cachet.

Leggi anche > Sanremo 2020 e le polemiche socialmente utili. Lo stato confusionale agita le acque
 Junior Cally a Sanremo, Salvini: «Donne stuprate e usate come oggetti? Lo fai a casa tua». E con Buffagni è polemica social
 Sanremo 2020, Michelle Hunziker delusa: «Mi aspettavo più sensibilità verso le donne»


LEGGI ANCHE 
Sanremo 2020 e le polemiche socialmente utili. Lo stato confusionale agita le acque​
di Marco Castoro

Questo 70° Sanremo non sembra sia nato sotto una buona stella. Seppure proprio perché Sanremo è Sanremo ogni cosa, anche quella più insignificante, diventa una montagna da scalare. L’ultima news riguarda Monica Bellucci che non ci sarà. Ma anche altri contratti con super ospiti stanno vacillando. Colpa delle polemiche? Chissà.

Quello che ci sembra giusto sottolineare è lo stato confusionale in cui sembrerebbe navigare la barca di Amadeus-Presta-Salini, in balia di venti (non solo politici) e polemiche socialmente utili (o inutili) che agitano sempre di più le acque. Si è cominciato delegittimando l’apporto di Rai1 fin da subito, con il direttore Teresa De Santis esclusa dalla partita, nonostante avesse scelto lei Amadeus e ci avesse messo la faccia l’anno scorso (pur essendo subentrata a giochi fatti) proprio nel momento in cui veleggiava la polemica del conflitto di interessi.  

Amadeus è un ottimo conduttore – tutte le sue trasmissioni di Rai1 hanno avuto successo – è un esperto di canzoni e musica, tuttavia non è un grande comunicatore e lo si è visto già in più occasioni. Non ha il carisma di Claudio Baglioni, né l’organizzazione che aveva il suo predecessore, ciò nonostante anche il “dirottatore artistico” scivolò sui migranti e diventò un caso perché al governo allora c’era la Lega. Amadeus è scivolato sulle donne. E pensare che tra i suoi buoni propositi c’è proprio quello di fare qualcosa all’Ariston per parlare e condannare la violenza sulle donne.

Ora bisognerà andare ancora una volta controcorrente non escludendo il rapper Junior Cally, finito nel vortice delle accuse per una sua canzone di tre anni fa in cui si esprimeva con versi cruenti e vergognosi nei confronti di una donna. Ma una canzone è anche una storia, è come una fiction. Del resto, anche Marco Masini a suo tempo ha raccontato una storia nella canzone Bella Stronza. E allora che dire di Gomorra? Secondo lo stesso principio non si dovrebbero mai invitare gli attori della serie per come sono spietati. Ma stiamo parlando di artisti che interpretano e raccontano storie e ruoli diversi. Interpretano, appunto.

Evviva Francesca Sofia Novello che ha chiuso la polemica che l’ha riguardata dopo la presentazione di Amadeus: “Ora tocca a Valentino stare un passo indietro”. E così sia. Brava (e anche bella, ma lo diciamo sottovoce).


 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Gennaio 2020, 17:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA