Mattia Briga su Leggo: «Memorie di un viaggio»
di Mattia Briga

Mattia Briga su Leggo: «Memorie di un viaggio»

Il periodo universitario per me durò molto poco, il tempo di far finta di preparare un esame e di organizzare un viaggio last-minute senza destinazione apparente. Avevamo una settimana e pochi soldi a disposizione, ma Skyscanner ci aiutò a individuare le offerte più economiche e le città in cui saremmo capitati. L'incrocio dei voli diretti portava al seguente tour: Bruxelles-Amsterdam-Madrid, con partenze negli orari più faticosi e improbabili.
Essendo in quattro, le nostre conoscenze personali ci permisero di svoltare tre alloggi su tre città. A Bruxelles ci andò di lusso, a Madrid dormimmo nella casa di una mia amica, mentre ad Amsterdam trovammo una soluzione di emergenza con i materassi a terra, nel corridoio di una casa per studenti. Giunti a Madrid per l'ultima tappa mi concessi il lusso di andare a cena fuori e di prendere un taxi, ma a fine serata mi accorsi di essere rimasto con 5 euro e che mancavano ancora due giorni prima di far ritorno a casa. Toccandomi la testa in fase di riflessione, mi ricordai che indossavo un orecchino, probabilmente di bigiotteria, cui avevo sostituito la farfallina. Questa era d'oro. Un compro oro mi diede 50 euro e riuscii a cavarmela.
I know it's over / The Smiths


Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Maggio 2021, 14:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA