Mattia Briga scrive su Leggo: «Il ritmo delle stagioni»
di Mattia Briga

Mattia Briga scrive su Leggo: «Il ritmo delle stagioni»

Personalmente, mi sono sempre trovato a mio agio nel seguire il ritmo delle stagioni.
Sarà che ci ho fatto l'abitudine, ma mi piace il momento in cui cadono le foglie in autunno, le prime notti sotto la coperta dopo un'estate a finestre aperte; adoro quando arriva l'inverno e amo aspettare impaziente la primavera per togliermi di dosso i vestiti in più, che metaforicamente sono le maschere, le sovrastrutture, il superfluo, le esteriorità.
Seguire il ritmo delle stagioni può essere anche una banale equazione, come ad esempio estate = mare, inverno = montagna. E se non fosse sempre così? Avete mai provato a cambiare l'ordine delle cose? Il mare d'inverno mi mette un po' di malinconia, invece la montagna d'estate mi fa sentire pieno di energie.
L'ho scoperto solo ora, che mi trovo nella Valle del Cadore, in Veneto, tra escursioni, trekking e zuppe d'orzo in piena estate.
Ho percorso in macchina una strada incantevole che mi ha condotto al Lago di Misurina, quasi 2000 metri di altezza.
In sottofondo c'era Canzone di Notte N.2 di Francesco Guccini.
Mentre l'ascoltavo, riflettevo sulla natura della sua poesia.
Guardando fuori dal finestrino contemplavo la poesia della natura.

 

-----------------------------------------------------------------------------------------
Mattia Bellegrandi (Roma, 10 Gennaio 1989) cantante e scrittore, all'ottavo progetto discografico della sua carriera che vanta inoltre due pubblicazioni editoriali intitolate "Non Odiare Me" (Best Seller, 2015, Ninho De Rua & Rai Eri) e "Novocaina - Una Storia d'Amore e di Autocombustione" (2016 - Ninho De Rua & Rai Eri). La sua collaborazione con Leggo è iniziata nel 2019.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Luglio 2021, 19:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA