Red Canzian, addio alla mamma Gianna: «Ti penso lassù, insieme a papà». Lutto per i Pooh
di Michele Miriade

Red Canzian, addio alla mamma Gianna: «Ti penso lassù, insieme a papà». Lutto per i Pooh

«È stata la mia più grande fan e l'ultima dei Pooh, era entusiasta e orgogliosa di me, mi ha amato magari più di quanto meritassi». Così Red (Bruno) Canzian alla morte della mamma Caterina Schioppalalba, per tutti Gianna (nome con cui si era fatta chiamare fin da ragazzina) che, l'altro pomeriggio, si è spenta nella casa di riposo di Santa Bona. Nata a Zenson di Piave, 98 anni, Gianna aveva vissuto da sposata a Quinto dove erano nati Bruno, poi diventato la star dei Pooh, e Gabriella. Dal 1959 abitava in via Paganini sulla Castellana a Treviso (vicino al laghetto Biasuzzi) e da qualche tempo era ospite della casa di riposo dove è deceduta.

Red Canzian e il drammatico racconto della lotta contro il tumore: «Dopo 17 anni era ancora in circolo»



Il 14 novembre 2005 Red aveva perso papà Giovanni del quale ha sempre un ricordo indelebile. «Mia mamma, afferma Red, era una persona affabile, un po' chiusa che si è sempre dedicata alla casa e alla famiglia, mi ha sempre amato moltissimo, viveva in mia funzione, era la più grande fan che avevo come lo era di tutti i Pooh visto che gli altri avevano già perso la mamma». Il funerale verrà celebrato domani alle 15 alla chiesa di Sant'Elena di Silea, il paese dove Red vive da anni con la sua famiglia. La salma verrà tumulata al cimitero di Sant'Elena vicino al marito Giovanni.
 
Sul profilo Facebook il cantante e bassista dei mitici Pooh scrive: «Ciao mamma, come quando andavo a scuola e ti dicevo ciao mamma. Ma questa volta non mi hai detto di stare attento, eri troppo stanca. Ciao mamma come quando partivo orgoglioso per le prime tournèe e tu abbracciandomi mi dicevi di stare attento, sempre preoccupata per quello che poteva capitarmi, come quando ti venivo a trovare, dopo che il papà ci aveva lasciato e ti raccontavo orgoglioso di quello che stavo facendo e guardavamo assieme le fotografie sul telefonino e tu mi ascoltavi orgogliosa. Ciao mamma come ti dirò martedì pomeriggio e sarà l'ultima volta che questa frase avrà un suo senso per me, poi comincerò a pensarti lassù con papà».
 
Ultimo aggiornamento: 12:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA