Premio Tenco 2019 tra applausi e polemiche. E Achille Lauro che canta "Lontano, lontano" diventa un caso
di Rita Vecchio

Premio Tenco 2019 tra applausi e polemiche. E Achille Lauro che canta "Lontano, lontano" diventa un caso

Sono le note di Lontano, Lontano a fare da cornice al Tenco 2019. Apre Achille Lauro e chiude Morgan. L’omaggio al cantautore, che dà nome da 43 edizioni alla rassegna della canzone d’autore - dal 16 al 19 ottobre sempre al Teatro Ariston di Sanremo - è stato incorniciato tra applausi e polemiche. 
 
 

Leggi anche > Morgan: «Premio Tenco? Baccini ha ragione. Achille Lauro è andato male, ma gli eredi stiano zitti»

Leggi anche > Achille Lauro al Premio Tenco canta "Lontano lontano", Francesco Baccini: «Basta pagliacci vestiti da artisti, Luigi si rivolta nella tomba»

Leggi anche > Malgioglio difende Achille Lauro: «Caro Baccini, la musica è cambiata»

Leggi anche >
 Fiorello dalla parte di Achille Lauro: «I brani sono di tutti. Gli dirò di ricantare "Lontano, lontano" quando verrà da me»

LA POLEMICA
Quella degli eredi di Tenco che non hanno ben gradito la scelta del rapper romano perché lontano dal mondo cantautorale (e a cui Lauro risponde con un «abbiamo in comune l’essere  entrambi due artisti incompresi» e con un «faccio anche io il cantautore») e quella di Francesco Baccini che sui social sbeffeggia l’esecuzione («Luigi si rivolta nella tomba», «basta pagliacci travestisti da artisti», «vedere uno che rutta un “lontano, lontano” rappresenta la fine di un’epoca»). All’esibizione di Achille Lauro (c’è da dire, non eccelsa) si contrappone, per principio, il classicismo della canzone d’autore - tema del Tenco 2019 era Dove vola colomba bianca e la memoria storica della canzone italiana fino a oggi - al pop. E si scatenano i social. 

LA RASSEGNA
Una tre giorni presentata, come oramai di consueto, da Antonio Silva, insieme a quel genio sregolatezza di Morgan. Targhe a Vinicio Capossela, a Daniele Silvestri, Manuel Agnelli e al rapper Rancore per la canzone che avevano portato al Festival, a Enzo Gragnaniello per l’album in dialetto, ad Alessio Lega come interprete, all’opera prima di Fulminacci, e al collettivo degli Adoriza (ritira premio Piero Fabrizi). Strepitosa l’esibizione dei premi Tenco 2019, Gianna Nannini, come quella di Eric Burdon, ex cantante dei The Animals e dei War, accompagnato dalla band Custodie Cautelari. Sul palco anche Nina Zilli, Levante e Petra Magoni, insieme agli Gnu Quartet, per l’omaggio a Pino Donaggio, altro premio Tenco. Esordio da pianista per Frida Bollani (figlia di Stefano Bollani e di Petra Magoni), che ha accompagnato la madre al piano. Ospite con gli Stadio anche Gaetano Curreri che ha ricevuto il premio “I suoni della canzone”, Ron. E ancora, Roberto Brivio (ex del gruppo I Gufi), Mimmo Locasciulli, Peppe Voltarelli e Alessandro d’Alessandro, David Riondino, Simona Colonna, Franco Fabbri. 
Domenica 20 Ottobre 2019, 21:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA