Nick Carter dei Backstreet Boys accusato di stupro: «Ha violentato una minorenne autistica nel 2001»

L'accusa della presunta vittima a 21 anni di distanza

Nick Carter dei Backstreet Boys accusato di stupro: «Ha violentato una minorenne autistica nel 2001»

Prima la morte di suo fratello Aaron. Adesso l'accusa di stupro. Nick Carter, star indimenticata dei Backstreet Boys, affronta uno dei momenti più difficili della sua vita. Shannon "Shay" Ruth, 39enne affetta da autismo, ha indetto una conferenza stampa insieme ai suoi avvocati e ha accusato il cantante di averla violentata nel 2001, quando era ancora minorenne.

Aaron Carter morto, il rapper americano fratello di Nick dei Backstreet Boys trovato senza vita nella vasca da bagno

Tumore al seno, scoperto un farmaco «rivoluzionario» che riduce le metastasi e blocca l'avanzamento della malattia

Cosa ha detto Shannon Ruth

La donna aveva 17 anni nel 2001 ed era una fan dei Backstreet Boys. «Gli ultimi 21 anni sono stati pieni di dolore, confusione, frustrazione, vergogna e autolesionismo e questo è il risultato diretto dello stupro di Nick Carter», ha affermato l'ormai 39enne Shannon Ruth. «Anche se sono autistica e convivo con una paralisi cerebrale, credo che niente mi abbia colpito di più o abbia avuto un impatto più duraturo sulla mia vita di quello che mi ha fatto e detto Nick Carter».

La donna ha aggiunto: «Dopo che mi ha violentata, ricordo che mi ha chiamato una 'puttana rossa' e mi ha afferrato e mi ha lasciato lividi sul braccio». «Carter ha cercato di spaventarmi fino a farmi tacere... era cattivo e minaccioso», ha aggiunto. «Solo perché Nick Carter è una celebrità non significa che sia perdonato per suoi crimini», ha concluso la donna.  


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Dicembre 2022, 23:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA