Mike Highsnob: «Ero bipolare. Sono guarito grazie alla trap... forse»

di Rita Vecchio
In copertina compare nudo e armato, e mette una foto di farmaci sul retro. Altro giro, altro rapper. Eccolo Mike Highsnob (al secolo Michele Matera) con il nuovo disco in uscita oggi. BiPopular. Il titolo è un gioco di parole ma nemmeno troppo: «Ho un disturbo bipolare. Ho sofferto in passato di dipendenza e di sbalzi di umore. Usavo droghe ed ero dipendente dal sesso. Ma sono curato e adesso sto bene». Traccia di tutto questo, nei testi che usa come armi per liberarsi e per dare un insegnamento. In Malandrino, ad esempio (“questo sembra talco/ma non lo è non sento piu la faccia/ma non so il perchè”), cerca di farsi portavoce di un messaggio che vuole allontanare dalla droga e dalla strada. «A salvarmi, la musica e la famiglia». 





Pieno di tatuaggi dalla testa  ai piedi, Highsnob, nato ad Avellino trentadue anni fa ma vissuto a La Spezia, viene dalla periferia. E della periferia, scrive. I suoi brani su YouTube hanno macinato milioni di views in poco tempo. Wannabe, singolo prodotto da Dat Boi Dee, feat. Junior Cally, sta arrivando a 3 milioni di views a tre mesi dalla pubblicazione. E su Instagram  usa come nome social “Mikeisaprettyboy”, dal titolo del primo EP "PrettyBoy", in cui c'è Fa Volare, brano che gli è costato nientemeno che la querela di Rovazzi, Fedez, J-Ax. Dai Mike, facciamo nomi? «Sono stato già denunciato, meglio di no». Si sta zitto, Mike. «Certo il dissing fa parte del gioco rap. E  io sono visto come il numero uno dei dissatori, cioè dico quello che penso senza peli sulla lingua». Dissing, appunto. Se la polemica con il trio è da ricercare sull'EP precedente, anche in BiPopular non si risparmia in schiettezza. “Poi ti spiego", brano che ha anticipato l’uscita del disco, a “Zombie” e “Bravo Bravo”, brani che racchiudono un mix di generi che sfociano nel trap. E con tematiche attuali. Come quella del bullismo. «La genitorialità non è un diritto. Anche io mi ribellavo a scuola, ma di certo non facevo quello che si vede ora in giro. Il rispetto è un valore che deve essere insegnato». 
 
 


Parte oggi, 27 aprile, con il doppio appuantamento di Varese e Milano (Mondadori) con il tour di firmacopie BiPopular. Poi Bologna (28 Aprile) alla Mondadori Bookstore, Torino (29 aprile) alla Mondadori Bookstore, Firenze (2 Maggio) alla Galleria del disco, Napoli (4 Maggio) alla Mondadori Bookstore, a Roma (5 Maggio) alla Discoteca Laziale e a Genova (7 Maggio) alla Feltrinelli. 
 
Venerdì 27 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME