Marco Carta, il giudice non convalida l'arresto per furto. Ma resta indagato

Marco Carta, non convalidato l'arresto per furto. Il legale: «È innocente, il giudice l'ha capito». Ma resta indagato

Il giudice non convalida l'arresto di  Marco Carta fermato ieri sera per furto alla Rinascente di Milano. Il cantante vincitore di Amici e anche di Sanremo, è stato fermato intorno alle 20,30 insieme a una donna di 53 anni e accusato di furto aggravato alla Rinascente di piazza del Duomo. In base alle prime ricostruzioni pare che Carta fosse uscito dal grande magazzino con sei magliette del valore di 1.200 euro a cui era stato tolto l'antitaccheggio, ma non la placchetta flessibile che ha suonato all'uscita. A bloccarlo sarebbero stati gli addetti alla sicurezza. Nel processo per direttissima svoltosi oggi, però, è arrivata appunto la decisione del giudice di non convalidare la misura cautelare. Confermato invece l'arresto per la donna che sarebbe stata con lui.




È stata fissata a settembre la prima udienza del processo a Marco Carta, arrestato ieri alla Rinascente per furto aggravato insieme a una donna e che resta indagato. Il giudice questa mattina non ha convalidato l'arresto del cantante, al contrario di quello della donna. Per nessuno dei due sono state disposte misure cautelari.

Marco Carta, il giudice non convalida l'arresto. Il cantante: «Non sono stato io»


Marco Carta, l'ultima stories su Instagram prima delle manette
 
 

Per il vincitore di Sanremo, Amici e anche Tale e Quale Show, 34 anni, ieri sera erano stati disposti gli arresti domiciliari. Una brutta avventura per Carta, impegnato nel lancio del suo nuovo album, "Bagagli leggeri", previsto per il 21 giugno. Il suo avvocato Simone Ciro Giordano al termine del processo per direttissima che si è svolto in Tribunale a Milano, a porte chiuse, ha spiegato che «è stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Lui è estraneo a qualsiasi addebito. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona».

Marco Carta era stato arrestato dalla Polizia locale, per il vincitore di Sanremo, Amici e Tale e Quale Show, 34 anni, ieri sera sono stati disposti gli arresti domiciliari.


Si attende ora che a parlare sia il cantante in persona, magari attraverso i social. L'ultima sua story su Instagram è proprio di ieri e proprio da piazza Duomo, a Milano. «Pattinaggio alternativo», recita la didascalia mentre nel video si vede una bambina scivolare sul pavimento, trascinata dalla madre. Una story ironica, fatta poco prima di venir arrestato.

Carta: Sono onesto e non rubo. «Un vecchio proverbio diceva 'male non fare, paura non averè, ho continuato a ripetermelo in attesa di vedere il magistrato e ho fatto bene a ripetermelo e ad aver fiducia nella magistratura che ha riconosciuto la mia totale estraneità ai fatti». Lo dice Marco Carta, che sottolinea: «sono onesto, non rubo». E lancia un appello: «sono molto scosso spero e mi auguro con tutto il cuore che la stampa e il web diano alla notizia della mia estraneità al reato di furto aggravato la stessa rilevanza che hanno dato all'arresto».

L'ultima sua story su Instagram è proprio di ieri e proprio da piazza Duomo, nel cuore di Milano. «Pattinaggio alternativo», recita la didascalia mentre nel video si vede una bambina scivolare sul pavimento, trascinata dalla madre. Una story ironica, fatta poco prima di venire arrestato.



Il 21 maggio, giorno del suo compleanno, era stato ospite in Rai, a Vieni da me, condotto da Caterina Balivo. «Un compleanno indimenticabile! Grazie a @caterinabalivo @vienidamerai e @rai1official quest’anno siamo stati tanto insieme perché ci siamo sentiti come una famiglia. Grazie a tutti per gli auguri di compleanno, grazie a tutti i miei amici e grazie al mio amore ❤️», aveva scritto su facebook.

 
 

La notizia dell'arresto di ieri sera è uno choc per i tanti fan del cantante scoperto da Amici di Maria De Filippi. La storia è diventata in pochi minuti top trend sui social, tra l'incredulità di molti che hanno pensato si trattasse di una fake news.
Sabato 1 Giugno 2019, 11:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA