Maneskin: «Dopo il trionfo all'Eurovision non ci fermiamo più. Ora il disco, poi il tour. E siamo pronti per il Glastonbury festival»
di Rita Vecchio

Maneskin: «Dopo il trionfo all'Eurovision non ci fermiamo più. Ora il disco, poi il tour. E siamo pronti per il Glastonbury festival»

Sul podio della musica internazionale ci sono saliti loro, i Måneskin. I romani Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio, hanno riportato il primo premio all’Italia con l’Eurovision Song Contest. Prima di loro solo Gigliola Cinquetti nel 1964 con “Non ho l’età” e Toto Cutugno nel 1990 con la canzone “Insieme”. Ma sono i primi a vincerlo con un brano rigorosamente rock. «Siamo felicissimi, increduli, emozionati - dicono al telefono dall’aeroporto di Rotterdam mentre si imbarcano per Roma - Adesso ci aspettano tanto lavoro per il nostro album che uscirà entro l’anno e poi un super tour». 

 

Amadeus: «Orgoglioso per la vittoria dei Måneskin. Il mio orecchio allora funziona ancora»

 

 


Messaggi ricevuti?
«Tanti. Da tutti, da artisti, fantastici (anche dalla politica, da Mattarella a Draghi, e sui social, da Loredana Bertè a Vasco Rossi, al grido “Rock ’n roll will never die”, ndr). Ci ha scritto pure Toto Cutugno. Messaggi tutti molto belli». 

 


Sceglietene uno. 
«Manuel Agnelli. Ci ha scritto che è orgoglioso di noi, che abbiamo portato all’estero un bel messaggio per la musica italiana, che siamo delle superstar». 

 


E Amadeus?
«Pure. Lo ringraziamo moltissimo. Ci ha dato la possibilità di partecipare all’Eurovision. È grazie a lui se siamo qui, grazie al coraggio che ha avuto nel fare un Festival durante l’anno della pandemia, non ascoltando le critiche e abbattendo le resistenze».

 


A chi dedicate la vittoria?
«A tutti i nostri fan. A chi ci ha sostenuto. A chi ci ha votato. A chi crede in noi». 

 


Sanremo, Eurovision, e…?
«Adesso puntiamo al Festival di Glastonbury e a tutti i pianeti del sistema solare (scherzano, ndr)». 

 


Vi hanno accusato di avere fatto uso di cocaina nella green room, durante la diretta della finale. 
«Accusa folle. Polemica sterile. Siamo contrari alle droghe. E siamo disponibili a fare il test. Non abbiamo mai assunto cocaina o droga nella nostra vita. Damiano si stava abbassando per un bicchiere rotto».

 


La sindaca Raggi ha scritto che Roma tutta è orgogliosa dei suoi ragazzi. Vi aspetta una grande festa? 
«Sì certo, faremo qualcosa. Ma ci aspetta sopratutto tanto lavoro».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Maggio 2021, 12:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA