Luca Carboni ospite del MiAmi Festival duetta con Giorgio Poi e promuove i "giovani" cantautori: «Mi piacciono Calcutta e TheGiornalisti»

Luca Carboni ospite del MiAmi Festival duetta con Giorgio Poi e promuove i "giovani" cantautori: «Mi piacciono Calcutta e TheGiornalisti»

Dalle trecentomila copie vendute con il primo disco del 1984, sino all'ultimo cd Sputnik, best seller in cui omaggia in un certo senso le sonorità proprio del decennio che lo vide debuttare. Luca Carboni è l'ospite del MiAmi Festival, la rassegna indie che compie 15 anni e che si tiene da venerdì a domenica al Circolo Magnolia, all'Idroscalo. Nel cast, tra gli altri: Giorgio Poi, Coma Cose, Franco126 (stasera), Mahmood, Motta, Riccardo Sinigallia (sabato sera), Bugo, Giorgio Canali (domenica). E Luca Carboni, 56 anni, bolognese, appunto ospite speciale nella serata di chiusura domenicale. Quattro palchi e tanti nomi giovani.

Luca Carboni, da veterano come vede i nuovi cantautori?
«Benissimo, hanno talento, personalità, argomenti. Mi piacciono Calcutta, TheGiornalisti. Qui al MiAmi farò anche un duetto sul palco: con Giorgio Poi canterò Prima di partire, dal mio ultimo cd».
Tanta carriera e sempre in alto. Qual è il suo segreto?
«Non esiste un segreto. Canto e scrivo cercando sempre di raccontare, seguo l'istinto. La musica in qualche modo ti permette di essere eterno».
Che rapporto ha con i suoi fan?
«Bellissimo, negli ultimi anni ho anche molti giovani che mi hanno conosciuto di recente. Sono uno stimolo, la prova, appunto, che la musica non ha età né mode».
C'è un suo brano che ama particolarmente cantare?
«No, anche perché ogni mia canzone ha un significato particolare e personale. Ogni sera, ogni tour metto brani diversi in scaletta, perché l'emozione non manca mai per ogni singola canzone».
Cambierebbe qualcosa della sua carriera?
«No, mi sono preso le mie soddisfazioni. Ho scelto solo di rallentare nel momento in cui vent'anni fa nasceva mio figlio: un momento tra i più belli della mia vita».
riproduzione riservata ®
Venerdì 24 Maggio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA