Laura Pausini si rifiuta di cantare "Bella Ciao": «Non usatemi per propaganda politica»

Il rifiuto di Laura di intonare "Bella ciao", molto popolare in Spagna dopo il successo de "La casa di carta", non è passato inosservato sui social dove si è immediatamente scatenata una polemica

Laura Pausini si rifiuta di cantare "Bella Ciao": «Non usatemi per propaganda politica»

Il "no" di Laura Pausini a "Bella Ciao", «Non usatemi per propaganda politica» dice la cantante dopo essere stata ospite di una trasmissione televisiva spagnola, dove è stata coinvolta in un gioco musicale in cui i concorrenti dovevano intonare una canzone che contenesse la parola "Corazon" (cuore). La cantante ha allora accennato "Cuore Matto" di Little Tony, ma nessuno dei presenti sembrava conoscere il brano tanto famoso in Italia. Perciò, il conduttore ha intonato "Bella Ciao", pensando di coinvolgere Pausini, ma lei si è subito rifiutata: «E' una canzone molto politica  e io non voglio cantare canzoni politiche». E ha ribadito: «Il fascismo è una vergogna assoluta». 

Leggi anche > Totti-Ilary, Noemi Bocchi e la rivelazione di Alfonso Signorini: «Non vede l'ora di entrare nella casa...»

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Laura Pausini Official (@laurapausini)

Il rifiuto di Laura di intonare "Bella ciao"

Il rifiuto di Laura di intonare "Bella ciao", molto popolare in Spagna dopo il successo de "La casa di carta", non è passato inosservato sui social dove si è immediatamente scatenata una polemica. E subito sono impazzati i tweet di esponenti politici, evidentemente indignati per quanto visto durante la puntata. 

La deputata socialista Adriana Lastra ha commentato: «Rifiutarsi di cantare una canzone antifascista dice molto della signora Laura Pausini e niente di positivo». E, dopo, anche il deputato socialista del Parlamento Europeo Iban Garcia: «Né con i democratici, né con i nazisti. Uguale». 

La cantante romagnola non è rimasta in silenzio di fronte alle molte critiche ricevute e ha voluto spiegare fino in fondo il perché del suo gesto in diretta televisiva. «Non canto canzoni politiche, né di destra né di sinistra - ha scritto sui suoi canali social -. Canto quello che penso della vita da 30 anni. Che il fascismo sia una vergogna assoluta sembra ovvio a tutti. Non voglio che nessuno mi usi per propaganda politica. Non inventare ciò che non sono».


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Settembre 2022, 20:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA