Jovanotti e il post al vetriolo su Facebook contro gli ambientalisti: «Un mondo pieno di veleni e cialtroneria»
di Michela Poi

Jovanotti e il post al vetriolo su Facebook contro gli ambientalisti: «Un mondo pieno di veleni e cialtroneria»

Dopo mesi di attacchi e di critiche feroci, Jovanotti ha perso la pazienza. In un lungo post su Facebook ha risposto piccato a tutti coloro i quali si sono scagliati contro il suo Jova Beach Party 2019 : ambientalisti ed ecologisti che per tutta l'estate hanno continuato ad attaccarlo accusandolo di provocare danni gravissimi al patrimonio naturale italiano.

Leggi anche > Jova Beach Party Lignano Sabbiadoro: non solo musica ma tanti messaggi a favore della tutela ambientale

«Non mi sarei mai aspettato, nonostante non sia un ingenuo rispetto a questo genere di cose, che il mondo dell’associazionismo ambientalista fosse così pieno di veleni, divisioni, inimicizie, improvvisazione, cialtroneria, sgambetti tra associazioni, protagonismo narcisista, tentativi di mettersi in evidenza gettando discredito su tutto e su tutti, diffondendo notizie false, approfittando della poca abitudine al “fact checking “ di molte testate. Il mondo dell’ambientalismo è più inquinato della scarico della fogna di Nuova Delhi!».

Nel 2018, ancor prima di partire con la progettazione del tour, Jovanotti aveva reso nota la sua collaborazione con il WWF. Tanto che in un'occasione si era presentato sul palco affiancato dalla presidente del Wwf Italia Donatella Bianchi, spiegando che la sua grande festa sarebbe stata fatta solo a condizione di rispettare la natura.

 


«Pensavo e penso ancora che la collaborazione con il WWF sia garanzia di rispetto delle aree. Invece un delirio nei social, una miriade di cazzate sparate a vanvera da chiunque, una corsa al like facile da parte di sigle e siglette che hanno approfittato ogni giorno della visibilità offerta da un nome popolare e da un grande evento per cavalcare l’onda, mettersi in mostra, inventare palle, produrre prove false che nessuno mai verificherà perché la rete è così. Addirittura “Lega ambiente” e “Ente Nazionale Protezione Animali” recentemente sono cascate in una trappola tesa loro dai mitomani che se non fossero pericolosi farebbero anche ridere (sono emerse storie che superano sceneggiature di commedie grottesche)».

Nonostante ciò, una valanga di polemiche ha accompagnato i mesi di tour. Tanto che una data - quella di Ladispoli - per via della nidificazione degli uccelli vicino alle spiagge, è stata spostata a Marina di Cerveteri.  E poi il commento al vetriolo dell'alpinista Reinhold Messner, che lo accusava di "disturbare la quiete della montagna". Di fronte agli ennesimi attacchi, questa volta Jovanotti ha risposto.

«L’ecologia è una scienza, se si trasforma in terreno di scontro di tifoserie è un danno per tutti, non si tratta di giocare a discutere se la terra è piatta o se l’aglio scaccia i vampiri ma di scienza, comportamenti, tecnologia, obiettivi a breve e lungo termine, politiche locali, nazionali e internazionali, studio, ricerca, ispirazione, competenza, risorse, investimenti, impegno, analisi seria dello stato delle cose, senza panico e con voglia di collaborare».
Lunedì 2 Settembre 2019, 19:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA