Morandi, Canzian, Gazzé e Diodato: prove tecniche di ripartenza in musica. I primi live (under 1000 spettatori) dal 15 giugno
di Stefania Cigarini

Morandi, Canzian, Gazzé e Diodato: prove tecniche di ripartenza in musica. I primi live - under 1000 spettatori - dal 15 giugno

Gianni Morandi, Red Canzian, Max Gazzè e Diodato: con loro ripartirà, lunedì 15 giugno, l'estate  italiana live per concerti con un massimo di 1000 persone e il rispetto delle norme sul distanziamento sociale.

GIANNI MORANDI / BOLOGNA - l'eterno "ragazzo" (75 anni) della musica leggera italiana darà fuoco alle polveri nel teatro "di casa", il "Duse" di Bologna, riprendendo il filo del tour teatrale abbandonato causa lockdown. In attesa di riprogrammare otto date saltate per la pandemia, Morandi si esibirà il 15 giugno alle 21 in un concerto gratuito e a numero chiuso (trasmesso in diretta da Radio Bruno, radio e tv, sui canali 256 e 71 DT).  «Sono davvero felice. Non vedevo l'ora di poter tornare a cantare dal vivo e stare vicino alla gente - ha detto all'Adnkronos Morandi -  Sarà molto emozionante fare questo piccolo passo verso la normalità e riaccendere le luci sul palcoscenico, perché il teatro e la musica sono cultura e vita. E nessuna città può rimanerne senza»



RED CANZIAN / TREVISO - un altro decano del palco per riavviare i motori della musica. L'ex componenete dei Pooh salirà sul palco alle 19 del 15 giugno sul palco di Piazza dei Signori nella "sua" Treviso  per uno show organizzato dal locale Comune e dal Teatro Stabile del Veneto. Anche per lui pubblico prenotato, numerato e distanziato. «Mi sento come il bambino che aspetta la fiera di paese - dice - l'emozione sarà davvero tanta. Dedicherò questo ritorno alla mia città e a quelli che lavorano nel mondo dello spettacolo, perché stanno pagando un prezzo altissimo e vengono costantemente ignorati dalle istituzioni»



MAX GAZZE' / ROMA
- gioca in casa  anche il cantautore romano che si esibirà in tre date di epoca Covod, il 2, 3 e 4 luglio, nella cavea dell'auditorium Parco della Musica, ed ha deciso di rimandare di un paio di mesi la registrazione del nuovo disco: «Per questi concerti ho deciso di rinunciare ai cachet standard dei grandi live per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo. Ripartiamo per far sì che questo piccolo spazio (intendeno i mille spettatori, ndr) diventi una cosa grande per tutti. Non dimentichiamoci di quello che una musica può fare - dice - citando uno dei suoi brani più noti, 'Una musica può fare'. 



DIODATO / VALLE D'AOSTA
- il vincitore di Sanremo con la struggente 'Fai rumore' salirà sul palco il 4 luglio, per la prima di cinque date del suo minitour - per un concerto pomeridiano al Musicastelle Outdoor in Valle d'Aosta, a oltre 2.000 metri di altitudine. Poi sarà il 25, 26 e 27 luglio alla cavea dell'auditorium Parco della Musica di Roma per chiudere il 4 agosto suonando all'alba nel Teatro greco di Tindari per l'Indiegeno Fest.
«Saranno concerti  figli di questo tempo, certo, ma che porteranno in ogni nota, in ogni gesto, in ogni istante, tutta la consapevolezza, tutto il bagaglio di un vissuto che, mai come inquesto momento, potremmo definire comune».
Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Giugno 2020, 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA