Ghali e il suo nuovo disco: «I soldi fanno paura voglio ritrovare il mio Dna»

video
di Rita Vecchio
Guardare le origini per capire meglio dove andare. Il motto di Ghali è questo. Il rapper milanese - di genitori tunisini cresciuto con la madre, il carcere del padre, vissuto nel quartiere popolare di Baggio con il vero nome di Ghali Amdouni e legato alla top model Mariacarla Boscono (di cui però non ama parlare) - a 26 anni pubblica il suo secondo disco. DNA, uscito alle 23.59 di ieri: 15 tracce, tra urban, elettronica e qualche intermezzo di sonorità arabeggianti, lavorate insieme a produttori come Mace, Merk & Kremont, Canova, Zef Venerus. E i featuring con Salmo, MrEazi, Soolking e Tha Supreme. La copertina è una maschera che si apre al suo mondo, musicale, intimo, personale. Il video del singolo Boogieman (feat. Salmo) - che ha presentato a Sanremo come ospite - ha quasi 4 milioni di views.

Leggi anche > Ghali, arriva il nuovo Album, Dna: 15 canzoni per un racconto biografico al ritmo di Pop​



Alla fine anche lei ha ceduto a Sanremo. 
«Nel mio ambiente il Festival è da denigrare. Ma Sanremo è una vetrina, un’occasione di portare la propria musica agli occhi di tutti. Sono andato per la mia musica, ma come ospite». 

Perché non in gara? 
«Sanremo non è la mia gara. La gara la faccio in tour, in studio. Aver cantato all’Ariston Wily Wily in tunisino, per me è già un traguardo. Una vittoria. È tanta roba».

Si sente cresciuto?
«Sicuramente. Ho attraversato alti e bassi come nella carriera di ogni artista. Ho viaggiato, mi sono fatto contaminare da lingue e suoni. Non è facile reggere il successo. Quando ti arrivano soldi, rischi di perderti».

Cosa l’ha salvata? 
«Tornare alle radici. Tornare con i piedi per terra. Tornare al mio DNA, appunto. Come il disco».

Vive sempre a Baggio?
«Ho provato ad andare via. Ma non riesco a stare lontano». 

Di cosa va orgoglioso?
«Di avere detto a mia madre che poteva smettere di lavorare. È il sogno di un figlio. Ora lavora con me. E abbiamo cominciato a litigare per lavoro (ride, ndr)».

L’ultima traccia si intitola “Fallito”. Si è mai sentito un fallito?
«Tante volte. La vita è ciclica. Capita a tutti di non essere sempre primi in classifica. Lì capisci chi ti è amico e chi no».

Uno dei temi delle sue canzoni è la droga. 
«Perché il mio genere racconta la realtà di tutti i giorni. Ma ne parlo in modo negativo. Non la elogio».

E sul tema immigrazione?
«Da Cara Italia, quello che dovevo dire l’ho detto. Non è cambiato molto».

Dopo le date firma copie del disco, tre concerti al Fabrique di Milano. 
«L’8-9-10 maggio. Dal cinema al teatro alla moda: il concerto sarà un insieme di tutto questo mischiato alla musica. E i featuring, tipo Salmo, MrEazi e gli altri, li vorrei con me. Un concerto più intimo, come lo è l’album».



LE DATE DEL CALENDARIO DEI FIRMA COPIE DI GHALI

21/2       TORINO Feltrinelli Piazza C.L.N. 251– ore 18:00
22/2       MILANO Mondadori Piazza Duomo - ore 15:00
23/2       PALERMO Feltrinelli Via Cavour 133 - ore 15:00
24/2       NAPOLI Feltrinelli Stazione - ore 15:00
26/2       BOLOGNA Mondadori Via Massimo D’Azeglio 34/A - ore 15:00
27/2       VERONA Feltrinelli Via Quattro Spade 2 - ore 15:00
28/2       LUCCA Sky Stone &Songs Piazza Napoleone 21/22 - ore 15:00
 FIRENZE Galleria del Disco c/o Caffe' Letterario Piazza delle Murate - ore 18:30
29/2       ROMA Discoteca Laziale Via Giovanni Giolitti 263 - ore 15:00
1/3         BARI Feltrinelli Via Melo 119 - ore 15:00
2/3         LECCE Mondadori Viale Cavallotti 7/A – ore 15:00
4/3         CAGLIARI Mondadori Via Roma 63 –– ore 15:00
5/3         VARESE Varese Dischi Via A.Manzoni 3 – ore 16:30
Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 16:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA