Eurovision 2021, gli organizzatori chiudono il caso Maneskin: «Nessuna droga. Damiano negativo al test»
di Ida Di Grazia

Eurovision 2021, gli organizzatori chiudono il caso Maneskin: «Nessuna droga. Damiano negativo al test»

Eurovision 2021, gli organizzatori chiudono il caso Maneskin:  «Nessuna droga. Damiano negativo al test». Con queste dichiarazioni l'EBU, European Broadcasting Union, mette a tacere una volta per tutte le voci di un presunto consumo di cocaina, durante la finale dell'Euvision, da parte di Damiano David.

 

Eurovision 2021, organizzatori difendono i Maneskin sull'uso di droga: «Stiamo esaminando i filmati, c'erano vetri rotti»

 

«Nessun consumo di droga è avvenuto nella Green Room e riteniamo chiusa la questione». Così l'EBU, European Broadcasting Union, che promuove e organizza l'Eurovision Song Contest mette fine alla vicenda che ha coinvolto i Maneskin e il frontman Damiano in particolare per alcune immagini con il capo chinato durante la diretta tv della finale.

 

«A seguito delle accuse di consumo di droga nella Green Room dell'Eurovision Song Contest Grand Final di sabato 22 maggio, l'European Broadcasting Union (Ebu) - si legge in una nota ufficiale -  come richiesto dalla delegazione italiana, ha condotto un esame approfondito dei fatti, controllando anche tutti i filmati disponibili. Un test antidroga è stato anche fatto volontariamente nella giornata di oggi dal cantante del gruppo Maneskin che ha restituito un risultato negativo visto dall'Ebu. Siamo allarmati dal fatto che speculazioni imprecise che portano a notizie false abbiano oscurato lo spirito e l'esito dell'evento e influenzato ingiustamente la band. Ci congratuliamo ancora una volta con i Maneskin e auguriamo loro un enorme successo. Non vediamo l'ora di lavorare con il nostro partner italiano Rai alla produzione di uno spettacolare Eurovision Song Contest in Italia il prossimo anno»

 

Già domenica l'EBu attraverso un comunicato stampa aveva difeso i Maneskin e il loro frontman, Damiano David, dopo che durante la finale dell'Eurovision sui social si era diffuso in video - diventato poi virale soprattutto in Francia - in cui sembrava stesse facendo uso di sostanze stupefacenti durante la diretta tv della finale. Motivo per cui era stata aperta un'inchiesta interna: «Siamo consapevoli delle voci che riguardano il video dei vincitori italiani dell'Eurovision Song Contest nella Green Room di ieri sera. La band ha fortemente smentito le accuse di consumo di droga e il cantante in questione farà un test antidroga volontario dopo l'arrivo a casa. Lo hanno chiesto loro stessi ieri sera ma non siamo riusciti ad organizzarlo. La band, il loro management e il capo della delegazione ci hanno informato che non erano presenti droghe nella Green Room e hanno spiegato che si era rotto un bicchiere al loro tavolo e che il cantante stava pulendo. L'EBU può confermare che il vetro rotto è stato trovato dopo un controllo in loco. Stiamo ancora esaminando attentamente i filmati e aggiorneremo con ulteriori informazioni a tempo debito». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Maggio 2021, 19:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA