Ermal Meta critica gli assembramenti, i tifosi dell'Inter lo insultano: «Albanese di m...a». E Instagram censura il cantante

Ermal Meta critica gli assembramenti, i tifosi dell'Inter lo insultano: «Albanese di m...a». E Instagram censura il cantante

Ermal Meta critica gli assembramenti dei tifosi dell'Inter in piazza Duomo e riceve diversi insulti, anche di stampo razziale. Come se non bastasse, il cantante ha scoperto di aver subìto la censura di Instagram, che ha rimosso il post pubblicato su vari social.

 

Leggi anche > Giulia De Lellis infuriata per la festa Inter: «E i ristoratori non possono lamentarsi. Che Paese siamo?»

 

Le immagini dei tifosi dell'Inter, che ieri in piazza Duomo hanno festeggiato lo scudetto conquistato con quattro giornate d'anticipo, hanno causato diverse polemiche per gli assembramenti incontrollati. Tra i critici c'era anche Ermal Meta, che su diversi social aveva pubblicato questo post: «Al Primo maggio non abbiamo potuto portare i nostri tecnici nonostante tutti i controlli. Ieri al rientro a Milano mi sono trovato questo. È tutto molto imbarazzante e credo di non essere l’unico a sentirsi preso per i fondelli».

 

 

 

 

Subito dopo quel post, su vari social, da Twitter a Instagram, sono partite le risposte dei tifosi dell'Inter. A quel punto, Ermal Meta ha precisato: «Voglio ricordare che essere felici per la vittoria dello scudetto è lecito, ma assembrarsi in 30.000 in questo modo, oggi, credo che sia contro le disposizioni di legge».

 

 

 

 

Apriti, cielo. I commenti critici nei confronti di Ermal Meta si sono intensificati e non sono mancati gli insulti, anche di stampo razziale. «Albanese di m...a», scrive un tifoso dell'Inter. Il cantante ha quindi denunciato l'accaduto sui social (commentando con un laconico «Italia, 2021»), ma mentre il tweet è rimasto, lo stesso post, su Instagram, è stato rimosso. «Ho fatto questo post su Instagram. È stato cancellato perché “non rispetta le linee e le norme di IG”. Hanno ragione Pio e Amedeo. Ridiamoci su che non rimane altro. Che amarezza», spiega Ermal Meta. Probabilmente, più di qualche tifoso nerazzurro risentito ha 'segnalato' il post a Instagram e l'algoritmo ha tenuto conto della quantità, più che della qualità, delle segnalazioni.

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Maggio 2021, 21:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA