Drake nella bufera: «Ha usato il suo jet per volare appena 14 minuti». Il rapper risponde così alle polemiche

Il rapper canadese, 35 anni, risponde alle critiche

Drake nella bufera: «Ha usato il suo jet per volare appena 14 minuti». Il rapper risponde così alle polemiche

Drake nella bufera per i voli in jet privato che durano pochi minuti. Il rapper canadese non è il solo, tra i vip più famosi in tutto il mondo, ad essere accusato di avere un impatto esagerato sull'ambiente e sul clima, ma è il primo a rispondere direttamente alle polemiche.

Jova Beach party, l'attacco degli animalisti. Lettera al governo: «E' uno scempio»

 

 

 

Jet privati e pochi minuti di volo, polemica su Drake e altri vip

Il 35enne rapper, con doppia nazionalità canadese e statunitense, dal 2019 è proprietario di un Boeing 767-200, acquistato per circa 216 milioni di euro. Per trasformare l'aereo, un cargo in servizio per 23 anni, nel jet privato Air Drake, il rapper ha speso poi quasi 100 milioni di euro. Tra l'altro, Drake non fa mai mistero dell'amore che prova per il proprio jet privato. Da quando è stato però aperto l'account Twitter CelebJets, però, Drake e altri vip di fama mondiale sono finiti nella bufera. Tutti i loro voli vengono tracciati e gli utenti su Twitter possono scoprire quanto durano i viaggi e quali sono i luoghi di partenza e destinazione.

L'impatto sul clima dei supervip

È così che gli utenti hanno scoperto che, oltre a Drake, tantissimi altri vip utilizzano i loro jet privati per percorrere distanze che potrebbero essere coperte con altri mezzi di trasporto, decisamente più sostenibili, in un lasso di tempo di poco maggiore. Nella polemica sono finiti anche Kim Kardashian, Floyd Mayweater, Steven Spielberg, Kylie Jenner e Mark Wahlberg. Solo per citare i più famosi a livello globale. Quello che viene imputato ai vip che utilizzano i jet privati (un fenomeno diffusissimo soprattutto negli Stati Uniti) è l'utilizzo dei velivoli, che hanno un'impronta di carbonio notevole a causa delle loro emissioni di CO2, per viaggi decisamente brevi. Poiché i passeggeri degli aerei sono al massimo una manciata di persone, l'impronta di carbonio a livello individuale schizza a valori decisamente insostenibili. Soprattutto nel pieno di un'emergenza climatica destinata a peggiorare.

Drake, le polemiche per i voli brevissimi con il jet privato

I voli del jet privato di Drake sono stati tracciati e gli utenti non hanno preso benissimo quanto scoperto. A inizio luglio, l'Air Drake era atterrato a Hamilton, in Canada, appena 14 minuti dopo essere decollato. Meno di due settimane dopo, il 12 luglio, il jet privato del rapper si era spostato da Hamilton a Toronto: circa 18 minuti di volo. «Quelli come Drake sono parte del problema, volano per appena 15 minuti e contribuiscono a peggiorare la crisi climatica. Ma prendi il treno o, se proprio non riesci a rinunciare al mezzo privato, una delle tue auto sportive» - alcuni dei commenti degli utenti, riportati da Metro.co.uk - «Dannazione, un solo Boeing 767 per appena 14 minuti di viaggio».

 

La replica di Drake

Molti commenti, tra l'altro, sono apparsi proprio sotto i post di Drake. Che a quel punto ha voluto chiarire la situazione. «Non ero io a viaggiare sull'aereo. Per chi è così interessato alla logistica: nessuno ha preso quel volo» - ha spiegato il rapper - «Sono semplicemente gli handler che, quando serve, spostano il jet da un aeroporto all'altro, per 'parcheggiarlo'».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Luglio 2022, 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA