Bungaro e Fiorella Mannoia festeggiano i 100 di Gianni Rodari trasformando in canzone la sua poesia "Il cielo è di tutti"
di Nico Riva

Bungaro e Fiorella Mannoia festeggiano i 100 di Gianni Rodari trasformando in canzone la sua poesia "Il cielo è di tutti"

Il 23 ottobre 1920 nasceva a Omegna (Piemonte) lo scrittore, pedagogista, giornalista e poeta Gianni Rodari. Per omaggiare i cento anni della sua nascita, arriva "Il cielo è di tutti", una poesia di Rodari, con la musica scritta da Bungaro e interpretata da Fiorella Mannoia. Oltre ad essere un regalo alla memoria del grande pedagogista, l'opera lancia anche un messaggio di vicinanza e speranza per la scuola e il mondo dell'istruzione, così fortemente provato dalla pandemia del coronavirus. 

Leggi anche > Rai Ragazzi celebra Gianni Rodari: in esclusiva il videoclip animato “Il cielo è di tutti” cantata da Bungaro e Fiorella Mannoia

La musica di Bungaro, la voce di Fiorella Mannoia e soprattutto le parole di Gianni Rodari, insieme in un unico brano che vuole essere un inno all'istruzione. Come spiegato dallo stesso Bungaro nelle parole riportate da Repubblica, l'idea è nata «a casa di Fiorella Mannoia. Ero lì a progettare canzoni e fu lei a farmi leggere questa meraviglia. È bastato un istante, una luce potente, 'Il cielo è di tutti' era talmente bella che non mi capitava da anni di essere così folgorato da tanta bellezza. Mi rapì immediatamente. Azzardando, dissi a Fiorella 'vorrei provare a scriverne la musica'. Gelosamente presi questo capolavoro e lo portai a casa. Fu un attimo, il tempo di accogliere e proteggere dentro di me la visione di Rodari». 

"Il cielo è di tutti" è una poesia tratta da 'Filastrocche in cielo e in terra' (Torino, Einaudi 1960).


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre 2020, 17:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA