Battiato, Nicola Zingaretti su Leggo: «Un trapezista, da Wagner al pop»
di Nicola Zingaretti

Battiato, Nicola Zingaretti su Leggo: «Un trapezista, da Wagner al pop»

Era musica meravigliosa e leggera, anzi leggerissima, quella del Maestro che ieri ci ha lasciato. Franco Battiato ha ridefinito il concetto di leggerezza nella nostra cultura musicale. Ci ha insegnato, per citare Italo Calvino, a considerare la leggerezza un valore, anziché un difetto.
Battiato possedeva la leggerezza del trapezista: con le sue canzoni riusciva a volteggiare senza peso, elegante, dall'alto in basso. Da Wagner ai sintetizzatori pop, tra citazioni filosofiche, cosmogonie orientali e sentimenti semplici e umanissimi. Restando come per miracolo per nostra grande fortuna - sempre senza un centro di gravità. Un po' come tutti, nei suoi testi apprezzavo il suono della nota e il suono della parola stessa, capaci di incantare e portarti per mano, in una armonia unica. Non è mai stato un poeta politico. Ma ricordo alcuni versi pieni di significato su quello che accadeva attorno a noi: «Questo secolo oramai alla fine, saturo di parassiti senza dignità, mi spinge solo ad essere migliore con più volontà». Un lampo. Ecco la sua grandezza e magia.
Io ora Battiato lo immagino fluttuare, sempre leggerissimo, tra le correnti gravitazionali che ha cantato. Qui, sul pianeta Terra, resta la ricchezza immensa nelle sue canzoni, in ciascuno legate a un affetto, a un'emozione, a un pezzo di vita vissuta. Ciao Maestro.

 

Franco Battiato, oggi i funerali. Addio al genio della canzone che si era ritirato alle pendici dell'Etna

Battiato, il saluto di Ombretta Colli su Leggo: «Il mio migliore amico, insieme tutto era speciale»


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Maggio 2021, 21:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA