50 Cent e l'allungamento del pene: l'ira del rapper contro un medico. Scatta la denuncia, cos'è successo

La proprietaria di centri medici estetici continua a postare foto con 50 Cent alludendo a operazioni sul pene

50 Cent e l'allungamento del pene: l'ira del rapper contro un medico. Scatta la denuncia, cos'è successo

Nell'epoca dei social dove quasi tutto, anche post e foto innocenti possono essere travisati, scambiati per offese o usati per fini ingannevoli, anche il noto rapper americano, 50 Cent sembra essere fiinito nel mirino dei furbi. Il sito di gossip, TMZ, mostra una foto postata da una donna, si presume un medico chirurgo, che nella didascalia scrive: «Grazie 50 Cent per essere venuto dai numeri uno» ed il riferimento è al centro medico, dove il cantante sarebbe andato per non si sa quale ragione.

Vince 38mila euro online, ma non li dichiara: «Non voleva perdere il reddito di cittadinanza»

50 Cent denuncia il chirurgo

Ebbene 50 Cent, ha querelato il chirurgo plastico Angela Kogan ed il suo centro Perfection Plastic Surgery e MedSpa, perché avrebbero usato quella vecchia foto nel post, per pubblicizzare un trattamento chirurgico per l'allungamento del pene, alludendo che anche il rapper abbia subito quel tipo di intervento.

Secondo TMZ, nella denuncia, 50 Cent avrebbe affermato di aver scattato la foto con la dottoressa Kogan nel febbraio 2020, solo perché pensava fosse una sua fan; ma dall'epoca, il chirurgo e le sue aziende avrebbero usato la foto per pubblicizzare i loro servizi estetici e chirurgici. Risale allo scorso agosto, la vicenda che ha mandato su tutte le furie il rapper di Da Club.

The Shade Room ha scritto una storia con il chirurgo, Angela Kogan, sull'aumento delle misure del pene, usando di nuovo quelle foto. 50 Cent ha sporto denuncia perché non avrebbe mai subito alcun intervento sul pene, e chiede oltrei ai danni economici, che venga rimossa quella fotografia che sta danneggiando la sua reputazione professionale e personale.


Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Settembre 2022, 14:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA