Dalle pagine all'e-book alla piéce teatrale.
Tutti i fastidi in un libro: ed è già un cult

Dalle pagine all'e-book alla piéce teatrale. Tutti i fastidi in un libro: ed è già un cult

di Stefano Prestisimone
Cosa ci dà più fastidio? Il semaforo rosso o il giallo visto da lontano che sai ti fregherà? Gli stage non pagati o i contratti a tempo indeterminato… degli altri? La parola “feedback” o la lunghezza incomprensibilmente asimmetrica degli auricolari? La schiuma della spugnetta lavapiatti che non smette mai o “il temporeggiatore” del parcheggio, che sale in auto ma non parte, lasciandoti in attesa di prendere il suo posto? Tutti i “fastidi” sono riuniti in un volume uscito per Feltrinelli e intitolato “Momenti di insopprimibile fastidio” e firmato da Federica Bernardo, giovane scrittrice e food blogger napoletana. La Bernardo ne ha raccolti a centinaia, suddividendoli in precise categorie. In alcuni casi, poi, ci si ritrova dinanzi a dei mini-racconti come quello sui postumi del Capodanno oppure sul dramma del regalo sbagliato. Un libro ironico, divertente e originale perché il fastidio è bipartisan: colpisce tutti indistintamente, come recitano le note di copertina. La casa editrice ha anche creato un hashtag, #chefastidio, in cui chiede di raccontare i momenti di insopprimibile fastidio per ritrovarli poi in un ebook gratuito. Ed è stata inondata di email. E c’è già anche uno spettacolo teatrale in cantiere tratto dalle sue pagine.
Ultimo aggiornamento: Sabato 7 Febbraio 2015, 10:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA