Nadia Toffa, parla Frank Matano: «Era un uragano. Una volta mi ha aiutato alle 3 di notte»

Nadia Toffa, parla Frank Matano: «Era un uragano. Una volta mi ha aiutato alle 3 di notte»

Frank Matano è commosso. Ha gli occhi lucidi, quelli di chi ha versato molte lacrime per la scomparsa prematura della sua cara amica Nadia Toffa.

Nadia Toffa, il post commovente di Filippo Roma: «È grazie a te che oggi...»
Nadia Toffa, le lacrime delle Iene ai funerali. Enrico Lucci: «Una persona vera». Giulio Golia: «Era la mia famiglia»

«Nadia mi ha insegnato tanto. La disciplina sul lavoro, l'ottimismo nella vita, l'impegno. Era una ragazza che si spendeva per tutti. Voglio trarre il meglio da questi insegnamenti, vorrei essere come lei», ha raccontato l'ex Iena a Claudia Guasco del Messaggero.

«Ci vedevamo in redazione tutti i giorni e nella quotidianità era ancora meglio di come l'ha conosciuta il pubblico attraverso i suoi servizi. Era simpaticissima, un uragano. Ma anche acuta e intelligente. Abbiamo fatto una vacanza insieme in Puglia, con lei non si aveva mai un punto di vista qualunque sulle cose che accadevano», ha continuato Frank Matano, sottolineando uno degli aspetti del carattere della conduttrice di cui più si è parlato in questi giorni. 

Nadia Toffa era una persona speciale, sempre pronta a tendere la mano e ad offrire aiuto e parole di conforto. Non si è mai risparmiata per nessuno: «Una notte ero da solo a Milano, mi sono sentito male, l'ho chiamata e lei è corsa da me senza che ci fosse bisogno di troppe spiegazioni. Ero in difficoltà, avevo la testa piena di pensieri. Lei mi ha preso, mi ha portato fuori e mi ha fatto fare il giro del quartiere fino a che non mi si sono schiarire le idee. E il fatto che fossero le tre di notte vale doppio».
 
Sabato 17 Agosto 2019, 17:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA