Così nascono i Bitcoin: Le Iene visitano i giovani italiani impegnati nel 'mining'

Così nascono i Bitcoin: Le Iene visitano i giovani italiani impegnati nel 'mining'

Da diverso tempo si parla molto di criptovalute come il Bitcoin e l'argomento è stato anche affrontato da Le Iene: l'inviato Matteo Viviani, dopo aver ascoltato alcuni esperti sul funzionamento di queste monete elettroniche, è andato alla scoperta dell'attività di 'mining'. Ecco in cosa consiste.

Bitcoin, cosa sono e che rischi hanno? Le Iene spiegano il nuovo "oro digitale"​



Per produrre nuovi Bitcoin sono necessari dei calcoli molto complessi ed elaborati, che non possono essere affidati all'intelletto umano. I 'miners', coloro che producono nuovi Bitcoin e altre criptovalute, devono quindi utilizzare dei computer o delle schede video. Sono diversi i ragazzi italiani che hanno iniziato a fare attività di 'mining' per poi trasferirsi in Bulgaria, a Sofia, dove sono presenti diverse sedi. Il motivo è semplice: gli elaboratori per funzionare hanno bisogno di molta energia elettrica e i costi sono proibitivi, ma la Bulgaria è all'avanguardia per la produzione di energia grazie al nucleare e alle fonti rinnovabili. Qui tutto costa molto meno e alcuni ragazzi italiani lavorano qui, in alcune sedi opportunamente vigilate, per gestire la codificazione necessaria al 'mining'.

GUARDA IL VIDEO Il servizio de Le Iene sui Bitcoin

C'è chi però è rimasto in Italia e, per ovviare al limite di kiloWatt disponibile nelle singole abitazioni, hanno deciso di chiedere aiuto ad amici e parenti, installando computer e schede video a casa loro. «Per minare i Bitcoin sono necessari dei pc, mentre per le altre criptovalute basta una scheda video», spiega un 'miner'.
Domenica 25 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 22:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME