Balotelli alle Iene: «Non ho accusato il Verona e la curva, ma non erano due o tre»

Balotelli alle Iene: «Non ho accusato il Verona e la curva, ma non erano due o tre»

«Come sto? Io Bene. Se sono arrabbiato per quanto è successo? Non è bello, ma io assolutamente non ho accusato il Verona, non ho accusato assolutamente la Curva del Verona. Io ho accusato pochi scemi che l'hanno fatto e li ho sentiti, e quindi mi sono arrabbiato. Ho accusato quei c*****i che l'hanno fatto e basta». Mario Balotelli torna sull'episodio avvenuto nella gara tra Verona e Brescia con alcuni tifosi del Verona che hanno fatto dei cori a sfondo razzista nei confronti del giocatore del Brescia, parlando a Le Iene, nella puntata che andrà in onda stasera dalle 21.15 su Italia 1. 

Leggi anche > «Balotelli non è italiano», il Verona mette al bando il capoultrà Castellini fino al 2030

Leggi anche > Luca Castellini, chi è il capoultrà del Verona: dal manifesto della razza ai 311 voti della candidatura con Forza Nuova​

«Non erano due o tre, perché se li ho sentiti dal campo, e li ho sentiti, e ci sono. Dico anche la verità, lo stadio e i tifosi del Verona sono stati anche simpatici con i loro sfottò e ci sta anche, ma anche se vuoi distrarre un giocatore, lo puoi distrarre in mille modi ma non così, così non va bene, così non ci siamo. Poi non dico che io sono diverso da altri giocatori ai quali hanno fatto gli stessi cori e gli stessi ululati, che poi ripeto sono sempre pochi gli scemi, però ci sono. Il problema è che io sono italiano, io dovrei tornare in Nazionale, e i pochi che l'hanno fatto sono delle testa di c...., a sfondo razzista non ci sta, ma non c'è mai stato e non ci starà mai», ha aggiunto l'attaccante del Brescia.
Martedì 5 Novembre 2019, 22:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA