Marco Maddaloni sposerà Romina Giamminelli: «Una rivincita, prima non potevamo permettercelo»

La notizia che tanti aspettavano è finalmente giunta: Marco Maddaloni è pronto ad unirsi in matrimonio con la sua Romina Giamminelli. Il campione italiano di judo, e vincitore dell'ultima edizione dell'Isola dei Famosi, ha infatti annunciato il luogo e la data delle nozze religiose.

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio»​



In molti ricorderanno la proposta di matrimonio fatta da Marco Maddaloni a Romina Giamminelli, la madre dei suoi due figli, Giovanni e Giselle. Nei mesi successivi, però, la ragazza aveva iniziato a dubitare delle reali intenzioni, ma dovrà ricredersi: Marco Maddaloni, in un'intervista a Chi, ha rivelato infatti che le nozze sono sempre più vicine.

«Non abbiamo ancora deciso il luogo preciso, ma sicuramente sarà a Napoli o in provincia e ci sposeremo a settembre» - ha raccontato Marco Maddaloni - «Per noi sarà una grande rivincita: ci siamo già sposati in Comune tre anni fa, ma allora non potevamo permetterci grandi feste o cerimonie. Oggi le cose vanno meglio e vogliamo rifarci».

Lo stesso Marco Maddaloni ha poi parlato dei dubbi che avevano attanagliato la sua Romina: «“È un periodo che non mi fermo un secondo. Tra inviti in tv, eventi, allenamento, lavoro in palestra e normali impegni di padre di famiglia, sono continuamente in movimento. Un giorno lei giustamente mi ha detto: ‘Ma com’è? Hai detto che ci sposiamo e che stai facendo per questo matrimonio?’. L’ha scritto anche in una lettera pubblica e lì ho capito che la cosa stava prendendo una piega sbagliata. Così ho iniziato a vedere location e quant’altro».

I più maliziosi potrebbero pensare che Marco Maddaloni abbia deciso di spendere per le nozze quanto vinto all'Isola. Niente di più sbagliato, dal momento che il judoka ha devoluto l'intera vincita (100mila euro) alla palestra del padre a Scampia: «Mi sembrava giusto, la mia immagine e quello che sono ora lo devo anche a lui. A me quei soldi, che tra beneficenza e tasse sarebbero diventati neanche 30, non avrebbero cambiato la vita, mentrela palestra può camparci uno o due anni e quel posto è una salvezza per tutti i ragazzi di Scampia».
Giovedì 11 Luglio 2019, 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA