Share in crescita per gli Azzurri di Mancini (61%). I rigori Italia-Francia 2006 e Italia-Argentina dei mondiali 90 sono ancora lontane (87%)
di Marco Castoro

Share in crescita per gli Azzurri di Mancini (61%). I rigori Italia-Francia 2006 e Italia-Argentina dei mondiali 90 sono ancora lontane (87%)

In tv Italia-Turchia 12.749.000 di media spettatori (50,7% di share).
Italia-Svizzera leggermente meglio: 13.346.000 spettatori pari al 51,9% di share.
Italia-Galles si scende di media spettatori (11.460.000) ma si sale di share (60%). Il dato cresce grazie agli ascolti del secondo tempo: 12 milioni e mezzo di spettatori e 61,1% di share.
Italia-Austria ha conquistato una media di 13.275.000 spettatori pari al 61,1% di share.

Ottimi risultati per gli azzurri sia in campo con 4 vittorie sia negli ascolti tv quando rispetto alla partita di esordio sono cresciuti di ben 10 punti di share.

 

Dati ancora lontani però alle sfide record viste e sofferte davanti al televisore. La finale del campionato del mondo del 2006, durante i rigori di Italia-Francia c’erano incollati 25.324.000 telespettatori (share 87%).

Nella semifinale dei Mondiali di Italia '90 tra la nazionale azzurra e l'Argentina, disputata il 3 luglio 1990: i telespettatori erano addirittura 27.537.000 con una percentuale dell'87,2% di share. Numeri ancora lontani per l’Italia di Mancini anche quelli di Italia-Irlanda nei mondiali Usa ‘94 con 20.073.000 telespettatori e il 76,6% di share. A Francia ‘98 la partita degli azzurri più seguita fu Italia-Camerun: 23.543.000 telespettatori e share superiore al 70%. Tutti dati di partite andate in onda su Rai1.

Canale 5 invece fece il record nella finale della Coppa dei Campioni tra Juventus e Milan che durante i rigori il 28 maggio del 2003 totalizzò 22.129.000 telespettatori pari all’84,4% di share.

Quindi per la banda Mancini c’è ancora tanta strada da fare. #Daje


Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Giugno 2021, 11:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA