Troppa grazia, Alba Rohrwacher ed Elio Germano cambiano vita grazie ad un'apparizione miracolosa

di Paolo Travisi
Precarietà nel lavoro ed instabilità nelle relazioni sentimentali. Lucia ed Arturo, i personaggi interpretati da Alba Rohrwacher e Elio Germano nella commedia Troppa grazia di Gianna Zanasi, conducono vite ordinarie nel caos dei nostri tempi. Lei è una geometra pignola e precaria, come la storia d'amore che trascina avanti da anni, tra alti e bassi. Lui è innamorato, ma non riesce a prendere sul serio le sue responsabilità. Solo un evento straordinario, l'apparizione della Madonna, riesce a scuotere le loro coscienze, spingendo i due protagonisti della storia a riconquistare certezze perdute.

Bisciglia show: «Cantare Rino Gaetano? Sarò Tale e quale»​



Cucchi, carabinieri chiedono elenco dei presenti alla proiezione del film Sulla mia pelle

A Lucia infatti, viene affidato dal sindaco del paese il rilevamento catastale di un'area verde per costruire un centro commerciale. E pazienza se c'è da chiudere un occhio su eventuali magagne, perché in ballo ci sono milioni di euro, poltrone nell'amministrazione comunale e posti di lavoro. Tra cui quello di Lucia. Il dubbio, nella mente della protagonista, assume le sembianze di un'apparizione ultraterrena, Maria, che diventa un'ossessione prima e motivo di ribellione verso le ingiustizie poi.

“E' un film sulla capacità di credere nonostante siamo diventati adulti – racconta l'attrice - il mio personaggio, da bambina era credente, poi da grande si chiede il significato della parola credere, e la figura che appare nella sua vita, la fa riflettere su questa capacità che ha perso negli anni”.

Per Elio Germano, Troppa grazia “è anche un film sull'incapacità di ribellarsi a quello che non ci piace, gli esseri umani si abituano a tutto e forse ci si dimentica di chiedersi se quello che stiamo facendo corrisponde alle nostre esigenze”. L'essenza di questa commedia leggera, ma intelligente, in cui forse per la prima volta ad Alba Rohrwacher viene affidato un personaggio divertente, si risolve nell'epilogo del film. La bellezza della vita è dietro ogni cosa, suggerisce la Madonna a Lucia.
“E' sempre più difficile trovare la bellezza” ammette Rohrwacher, “infatti Lucia non è più capace di guardare quello che c'è intorno, solo grazie al personaggio della Madonna tornerà a vederla per trasmettere il senso della bellezza a sua figlia Rosa che rappresenta il futuro”.
Giovedì 8 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME