Rocco Siffredi per i 69 anni di Cicciolina: «Quando girai con lei non mi divertii, lei si offese». Ecco perché
di Paolo Travisi

Rocco Siffredi per i 69 anni di Cicciolina: «Quando girai con lei non mi divertii, lei si offese»

«Cicciolina è un’icona pop, una delle prime donne ad aver avuto il coraggio delle sue scelte nel porno» dice la star Rocco Siffredi, che con Ilona Staller - che il 26 novembre 2020 compirà 69 anni - ha lavorato quando era poco più che ventenne.

 

 

 

«Quando girai con lei, le mie fantasie di ragazzino svanirono, non mi divertii, perché era la Cicciolina che dopo una settimana sarebbe entrata in Parlamento. Stava con me e parlava al telefono con Pannella - ammette con franchezza - e lei per questo si offese». Era la fine degli anni Ottanta, e nel mondo hard italiano, c’erano due stelle, Cicciolina e Moana.

 

 

«Erano due grandi amiche, ma anche complici ed alleate perché all’epoca, per le ragazze, fare le pornostar era veramente difficile. Forse c’era un po’ più di attenzione di Cicciolina nei confronti di Moana, ma solo perché essendo arrivata prima, temeva di perdere la leadership» aggiunge Siffredi. Ma la determinazione di Cicciolina, fuori dai set, portò anche cambiamenti sociali. «Alla sua lotta per la libertà di espressione si devono le conquiste anche del mondo Lgbt» dice Siffredi, che lancia un messaggio a Cicciolina: «A lei devo la mia bella infanzia, la vedrei attrice fino a 80 anni e se lei avesse voglia di fare un film vero, ci andrei domani, anche gratis».
 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre 2020, 09:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA