Naomi Watts contro Hollywood: «Mi dissero di lavorare il più possibile finché ero sc**abile»

Naomi Watts contro Hollywood: «Mi dissero di lavorare il più possibile finché ero sc**abile»

Naomi Watts, oggi, è una splendida 54enne. L'attrice australiana, dopo una lunga gavetta nel proprio Paese, ha conosciuto la fama internazionale nel 2001, quando ne aveva 33, grazie a David Lynch. Il ruolo da protagonista in Mulholland Drive l'aveva fatta diventare una delle star di Hollywood, che le ha dato tanto ma le ha anche causato più di un dispiacere. E oggi, a distanza di oltre un ventennio, l'attrice decide di togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

Angelina Jolie: «Brad Pitt violento con me e i bambini. In aereo ci picchiò e versò la birra addosso»

Naomi Watts: «Mi dissero di lavorare tanto finché ero sc**abile»

In un'intervista a Entertainment Weekly, Naomi Watts ha infatti rivelato un consiglio per nulla gradito che le avevano dato alcuni produttori di Hollywood. «Mi dissero: "Ora sei famosa, approfittane per lavorare molto nei prossimi anni, dopo i 40 inizia il declino perché non sei più sc**abile". Una frase spiazzante, almeno all'inizio» - spiega l'attrice - «Prima mi sono chiesta: "Ma cosa significa?". Poi, ci ho pensato e mi sono detta: "Ok, quando non sei più riproduttiva e certi organi non funzionano più, non sei più sexy e per questo non ti scritturano". Questo mi fece andare su tutte le furie».

L'amarezza di Naomi Watts

A 21 anni di distanza dal successo internazionale, Naomi Watts può vantare una carriera gloriosa, con due nomination agli Oscar per 21 grammi e The Impossible. Deve tanto a Hollywood, ma spiega di non riuscire ad accettare quel sessismo di fondo della più grande industria cinematografica mondiale. «Il ragionamento di fondo è che gli uomini maturano, le donne invecchiano. Purtroppo questo va in qualche modo accettato, così come altre situazioni. In genere, alle donne viene chiesto molto più di ciò che viene chiesto agli uomini» - le parole dell'attrice, che ora è protagonista in The Watcher, serie di Netflix diretta da Ryan Murphy - «Non si dice mai: "Guarda quell'attore quanto è invecchiato, ha tutti i capelli bianchi". E se lo dicono, è per dire: "Ora è più affascinante e desiderabile". L'esperienza sembra essere un valore solo per gli uomini, ma lo è anche per le donne. Alla mia età, le mie colleghe dovrebbero sentirsi orgogliose della propria carriera».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Ottobre 2022, 19:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA