Morta Barbara Nascimbene, attrice ed ex di Massimo Ranieri. Lui su Facebook: «Non ti dimenticherò mai»

Morta Barbara Nascimbene, attrice ed ex di Massimo Ranieri. Lui su Facebook: «Non ti dimenticherò mai»

  • 511
    share
Barbara Nascimbene, all'anagrafe Nacimben, è morta a 59 anni, all'alba di oggi all'ospedale San Camillo di Roma, dopo una breve malattia. Lo ha comunicato la sua famiglia: Barbara, nata a Roma nel 1958, avrebbe compiuto 60 anni tra pochi giorni, il 28 settembre. I funerali si svolgeranno domani, 18 settembre, alle 9.30 con rito ebraico al Tempio ebraico del Cimitero di Prima Porta. Lascia due figlie, Giada e Federica, di 40 e 41 anni, avute dal marito Morris Bendaud, morto giovanissimo in un incidente stradale. 

Negramaro, Lele Spedicato è grave. Da Jovanotti alla Mannoia, la musica tifa per lui

Attrice di successo soprattutto negli anni '70 e '80, ha avuto una lunga relazione con il cantante Massimo Ranieri, a cui è stata legata per quasi 10 anni. Lo stesso Massimo, sulla sua pagina Facebook, ha salutato commosso la sua ex compagna, con un post corredato da una loro foto insieme: 
«Se n’è andata una donna e una mamma meravigliosa. Sono vicino alle sue splendide figlie con tutto il mio affetto. Ciao Barbara, non ti dimenticherò mai», scrive Ranieri.
 

LA CARRIERA Figlia d'arte, il padre Sergio era un direttore e compositore d'orchestra, aveva esordito giovanissima nel film L'Esorciccio di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, in cui interpretava la parodia di Linda Blair nell'Esorcista. Tra gli altri film, Il garofano rosso con Miguel Bosè, con il quale ha avuto una breve relazione, La liceale seduce i professori di Mariano Laurenti con Lino Banfi, Identificazione di una donna di Michelangelo Antonioni.

Per la tv, nell'82, è stata protagonista della serie Rai tratta dai romanzi di Liala e nell'84 dello sceneggiato Nata d'amore, con cui si è aggiudicata il Premio Naxos Oscar Tv e durante le riprese è iniziata la storia d'amore tra lei e Massimo Ranieri. Tra le ultime interpretazioni I due prigionieri di Anton Giulio Majano, nel 1985, e L'ispettore Sarti - un poliziotto, una città di Giulio Questi. 

Lunedì 17 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME