Lando Buzzanca ricoverato, il figlio Massimiliano: «La prossima settimana lascia il Gemelli, non ci sta più con la testa»

Le condizioni dell'attore:

Lando Buzzanca ricoverato, il figlio Massimiliano: «La prossima settimana lascia il Gemelli, non ci sta più con la testa»

A un paio di settimane dalla brutta caduta in sedia a rotelle a seguito della quale è stato ricoverato, Lando Buzzanca si prepara a lasciare il Policlinico Gemelli di Roma per essere trasferito in un centro riabilitativo.

Lando Buzzanca ricoverato in ospedale: «È caduto dalla carrozzina». Come sta l'attore

Lando Buzzanca ricoverato, il figlio Massimiliano: «La prossima settimana lascia il Gemelli per il centro riabilitazione» 

«All'inizio della prossima settimana, papà lascerà il Policlinico Gemelli di Roma, dove è attualmente ricoverato dopo la caduta e la rottura del femore, per essere trasferito in un centro specializzato di riabilitazione motoria» fa sapere ad AdnKronos il figlio Massimiliano Buzzanca. «Le sue condizioni, ovviamente, non sono floride ma nessun allarme: resta stazionario, mangia, dorme, si sveglia, si lamenta... Purtroppo, a livello cognitivo, con la testa non ci sta più da un bel po' di tempo e lì c'è ben poco da fare».

La speranza, aggiunge ancora il figlio, è «di riuscire a far passare al suo fisico lo shock subìto per la caduta. Vedremo poi se ci saranno anche le condizioni per riportarlo a casa e coccolarcelo in famiglia».

Il medico Fulvio Tomaselli querelato dal figlio dell'attore

Sapere fuori pericolo Buzzanca, 87 anni, è uno spiraglio di luce dopo le notizie sconfortanti circa le condizioni cliniche dell'attore, che giorni fa il medico Fulvio Tomaselli aveva definito «lo spettro di se stesso, magrissimo, diafano, quasi completamente afasico, sdentato, disperatamente lucido...che si sente abbandonato».

Queste dichiarazioni, rilasciate pubblicamente senza il consenso della famiglia, sono costate al medico una denuncia da parte del figlio, che pochi giorni fa ha «deciso di presentare una denuncia querela alla procura e all’Ordine dei medici perché esiste il diritto alla privacy per tutti e non è possibile che certa gente parli e sparli della salute di mio padre».


Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Dicembre 2022, 15:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA